Intervista a Christina Kruse e Kate Orne

Cambi di percorso, pregiudizi da sgretolare e un’anima tenace: Christina e Kate, rispettivamente modella e fotografa, hanno molto in comune. Inclusa la residenza nell’area più creativa d’America: Upstate New York.

L'amicizia tra la modella Christina Kruse e la fotografa Kate Orne
Courtesy Photo

Christina Kruse: girl in evolution. Vivo, testardo, duro e vulnerabile. come lei. Sono le caratteristiche del legno e del metallo amate da questa artista tedesca, ex top model, che è passata dalle copertine più celebri alla scultura («basta guardare le mie mani per intuire il cambio»). Oggi vive con il figlio August tra la Grande Mela e la casa-studio fotografata nel nostro servizio, a nord dello stato di New York.

Cosa ama del lavoro di Kate come fotografa?
È una donna molto sensibile, con un occhio d’aquila per le sfumature. I suoi scatti in bianco e nero sono grandi esempi di composizione e trovano sempre il modo di rivelare la bellezza del soggetto. Si riesce a fare apparire qualcosa semplice solo quando se ne è colta l’essenza. E Kate lo fa splendidamente.

Una top model che diventa artista, ha dovuto fare i conti con dei pregiudizi?
Chiunque abbia avuto una carriera di successo in un certo ambito viene guardato in maniera sospetta quando intraprende un percorso completamente diverso. Sono certa che alcuni avranno avuto dei dubbi. Ma è quasi più facile affrontare i pregiudizi degli altri che le battaglie di autocritica con me stessa.

Il cambio di carriera è stato difficile da gestire, anche come madre?
È stata dura arrendersi al fatto di aver scelto un percorso altrettanto rischioso che quello di modella. La frustrazione deriva dal gestire gli orari di scuola di mio figlio August e il lavoro nel mio studio, che è piuttosto distante.

Artisti e modelle hanno in comune la disciplina?
Aiuta, perché la strada è per entrambi lunga, solitaria e a tratti scoraggiante. E tutto dipende dal giudizio degli altri, che sia riguardo al tuo look o all’idea che vuoi trasmettere con la tua arte. In entrambi i casi, si ha molto poco potere su come si verrà recepiti.

Come è stato incontrare Louise Bourgeois?
Ho partecipato a una delle sue sessioni con artisti: si poteva portare il proprio lavoro per ricevere una sua opinione. Ho pianto davanti a una dozzina di sconosciuti perché non riuscivo a rispondere alle sue domande, che toccavano punti dolorosi relativi a quelle opere. Solo molti anni dopo le ho capite e ho iniziato a pormi le stesse problematiche.

August ha mai recensito una sua opera?
Critica la mia palette di grigi, neri e bianchi: vorrebbe più verde. Ma adora arrampicarsi sui pezzi più grandi.

Se il mondo finisse domani, cosa farebbe oggi?
Mi siederei con mio figlio e il nostro cane Theodore sulle rive del lago Minnewaska. A cinque anni August mi ha chiesto se nella prossima vita potevo ancora essere sua madre e ho risposto di sì. Glielo direi di nuovo.

Kate Orne: donna consapevole. Non lasciatevi scoraggiare da nessuno. Sarebbe un mantra perfetto per questa svedese dall’eclettico curriculum: prima modella e fashion editor, poi fotografa a tutto tondo e oggi direttore di Upstate Diary, una nuova rivista dedicata all’universo creativo dello stato di New York. Ovvero: tutto ciò che accade a nord della City, un territorio vasto che arriva fino al confine con il Canada e che da sempre seduce gli artisti (si legge da Colette, a Parigi, o su upstatediary.com).

Come ha conosciuto Christina?
Tanti anni fa dovevo ritrarla per una rivista di moda, ma alla fine non se ne fece nulla. Ho scoperto poi che era diventata un’artista e abitavamo vicine: l’ho fotografata e intervistata nel primo numero di Upstate Diary (insieme, tra gli altri, agli artisti Carrie Mae Weems e Olaf Breuning, ndr). Mi interessava raccontare l’esperienza dei molti creativi che, in fuga dalla città, vengono a vivere qui, nello stato di New York. Oggi io e Christina siamo buone amiche.

Cosa ama delle sue opere?
Sono moderne e contemporaneamente senza tempo. Ci pongono domande interessanti sulla struttura e sull’equilibrio, del mondo e di noi stessi.

Cosa vuole raccontare della regione dell’Upstate New York?
Il suo inesauribile panorama creativo, che da oltre un secolo attira qui artisti di ogni tipo. Da Georgia O’Keeffe a Vladimir Nabokov, che in parte ha scritto qui Lolita, fino ad Alfred Stieglitz e David Bowie. Il Marina Abramovic Institute si trova in zona, a Hudson. E, ovviamente, l’eredità del grande festival di Woodstock è ancora viva. Se non altro nei tanti negozi di vintage, come il Funkanova, tappa obbligata proprio a Woodstock.

Cosa hanno in comune gli artisti che hanno scelto quest’area?
Cercano il contatto con la natura, la tranquillità e la libertà di lavorare. In più, New York è diventata talmente costosa che potersi permettere un grande spazio o uno studio non è da tutti.

Come Christina, anche lei ha cambiato carriera almeno due volte, prima da fashion editor a fotografa e ora a direttore di una rivista. Preconcetti da affrontare?
Nel primo caso mi chiedevano spesso se non avessi paura a tentare il salto nella fotografia a 34 anni e se temessi la competizione con tutti i fotografi uomini. Ma sono cresciuta in Svezia, un ambiente estremamente egualitario, e non percepivo questa presunta dominanza maschile. Quando ho iniziato con Upstate Diary, invece, ho ricevuto solo sostegno.

Come conciliava i suoi fotoreportage in Pakistan con la vita nel dorato “Fashion Circus”?
Banalmente il lavoro nella moda è servito a sostenere viaggi e spese per indagare e raccontare il mondo sommerso e doloroso della prostituzione in Pakistan. Non sento una vera rottura tra queste due anime della fotografia, perché a livello personale considero la mia vita un unico percorso di apprendimento sulla condizione umana.

Servizio di Ivana Spernicelli foto Kate Orne

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy Photo

Dolcevita-top in cashmere, MICHAEL KORS COLLECTION; T-shirt MARNI; pantaloni in cady di seta stretch, GIVENCHY BY RICCARDO TISCI. (Foto: Kate Orne)

Courtesy Photo

Tuta stile “worker” in seta, BALENCIAGA. Sciarpa in cashmere, LANIFICIO COLOMBO. (Foto: Kate Orne)

Courtesy Photo

Lungo trench in cotone e maglia in cotone stretch con profondo scollo sulla schiena, MAX MARA; jeans boyfriend effetto used, POLO RALPH LAUREN. Occhiali e stivali vintage; sciarpa LANIFICIO COLOMBO. (Foto: Kate Orne)

Courtesy Photo

Tuta in cotone con toppe ricamate, RALPH LAUREN COLLECTION. (Foto: Kate Orne)

Courtesy Photo

Maxi abito-polo, STELLA MCCARTNEY. Occhiali vintage. (Foto: Kate Orne)

Courtesy Photo

Abito in cady di seta con chiusura a portafoglio e frange, BOSS. (Foto: Kate Orne)

Courtesy Photo

Camicia in raso di seta stampato con maniche corte, DOLCE & GABBANA. (Foto: Kate Orne)

Courtesy Photo

Abito in lino con maniche a sbuffo e bottoni di metallo, CÉLINE. Sciarpa in cashmere e stivali vintage. (Foto: Kate Orne)

Courtesy Photo

Maglia in seta tricot rivestita di anelli di metallo con oblò e bordi sfrangiati, pantaloni in seta con lacci-decoro, CALVIN KLEIN COLLECTION. Stivali vintage. (Foto: Kate Orne)

Courtesy Photo

Christine Kruse – Micro pullover in lana tricot con bordi tagliati a vivo, DIOR; T-shirt MARNI; pantaloni in seta, CALVIN KLEIN COLLECTION. (Foto: Kate Orne)

Courtesy Photo

Costume intero asimmetrico, HERMÈS. Stivali vintage. (Foto: Kate Orne)

Courtesy Photo

Top in crêpe di seta con nastri, dettagli plissé soleil e di pizzo, pantaloni in cady di seta stretch, GIVENCHY BY RICCARDO TISCI. T-shirt e collana vintage. (Foto: Kate Orne)

Courtesy Photo

Top asimmetrico e gonna in cotone bouclé con bordi sfrangiati, PROENZA SCHOULER; T-shirt MARNI. (Foto: Kate Orne)

Courtesy Photo

Tuta in seta stampata con micro cintura di pelle e metallo, LOUIS VUITTON. (Foto: Kate Orne)

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da #MCLikes