La terza edizione di Artycapucines, ovvero la crasi tra moda, arte e collezionismo

Sei borse icona per sei artisti che proseguono il racconto di lusso, artigianato e revisione del mercato dell’arte by Louis Vuitton.

Miriadi di tazze di cappuccino e un leopardo che cammina tra loro, un nero pece che si fonde a un bianco fiordilatte, un’equazione di mare operata a mano: sono solo alcuni dei capolavori formato borsa creati da sei artisti per la terza collezione Artycapucines di Louis Vuitton con al centro l’iconica Capucines, il cui nome è un omaggio a rue Neuve-des-Capucines dove è sorto il primo place to be di LV nel 1854. La silhouette di questa borsa si presta a divenire tela d’artista: completano una missione più che speciale l’estrema ricerca, l’esaltazione del fatto a mano, lo scouting di nomi che cambieranno l’arte (o hanno già ampiamente provveduto vedi Paola Pivi).

La borsa realizzata da Paola Pivi per Artycapucines in pelle e foglie d’oro.
www.PiotrStoklosa.com

La terza collezione di queste borse in edizione limitata, che troveranno residenza tra i più grandi collezionisti di arte contemporanea, vede protagonisti Gregor Hildebrandt, Donna Huanca, Huang Yuxing, Vik Munix, Paola Pivi e Zeng Fanzhi, artisti molto diversi tra loro, chiamati a regalare nuovi sogni su pelle. Se Zengh Fanzhi rilegge l’autoritratto di Van Gogh attraverso 700 mila punti di ricamo, Paola Pivi riporta una delle sue performance più celebri tra intarsio su pelle e foglie d’oro, dove Gregor Hildebrandt riprende la serigrafia del logo LV Huang Yuxing ricama un paesaggio onirico.

Le sei borse d’artista per la terza edizione di Artycapucines in vendita in soli 200 esemplari da fine ottobre 2021.
www.PiotrStoklosa.com

Il mondo dell’arte e Louis Vuitton dialogano e costruiscono ponti da sempre: il mondo della moda e del collezionismo, invece, ha una storia che più che mai ora, con l’idea di un lusso estremo dato dall’esclusività delle edizioni limitate, necessita di nuovi stimoli. Questi capolavori realizzati in 200 pezzi sono il nuovo Sacro Graal da conquistare fisicamente per chi osserva ancora da lontano l’evoluzione degli NFT, le opere d’arte virtuali che stanno destabilizzando il mercato d’arte tradizionale: arrivati a 18 modelli unici (nelle precedenti edizioni si sono espressi artisti quali Urs Fischer, Zhao Zhao, Jean-Michel Othoniel) le Artycapucines, si collocano tra desiderio impossibile e investimenti d’archivio, sostengono un nuovo scenario di artisti, portano l’arte su territori di apparente consumo ma meritano il posto in una teca, come quella che le ha ospitate in una preview speciale a Villa d'Este a Como, location dove collezionare tempo, lusso, arte.

Il paesaggio sognante di Huang Yuxing per la terza collezione di Artycapucines.
www.PiotrStoklosa.com
This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Accessori