Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

«Ho 68 anni, sono una mamma e faccio la modella»

10 lezioni di stile (e di vita) che potete imparare da un'icona della moda ultrasessantenne.

Maye Musk
Courtesy Photo

Come sentirsi belle, ma sopratuttto felici e in pace con se stesse, a (oltre) 60 anni? Dopo Iris Apfel, icona ultranovantenne e dispensatrice di lezioni da manuale, ora a rispondere è Maye Musk: 68 anni, 10 nipoti, modella, dietista, nutrizionista e vera leggenda vivente con 50 anni di carriera nella moda. Certo: troppo facile, direte voi. Un passato e un presente da icona della moda oltre a una vita (molto) avventurosa aiutano naturalmente, alla faccia di consigli e rimedi anti-age anche fai da te. Ma (fortunatamente) il segreto non è tutto qui. Ne abbiamo parlato recentemente a proposito di New Aging, un nuovo libro in cui l'architetto tedesco trapiantato negli Usa Matthias Hollwich ha sapientemente raccolto e illustrato come essere felici di invecchiare con poche e semplici regole. «Ecco perché ho iniziato a scrivere New Aging - ci ha spiegato - il libro che, sfruttando tutto quello che ho appreso riguardo l'invecchiamento, spiega come la società, l'architettura e le città potrebbero funzionare meglio seguendo semplici principi e azioni che ognuno di noi può compiere ogni giorno per migliorare individualmente, e nella comunità».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Classe 1948, Maye nasce a Regina, Canada, e nel 1948 si trasferisce a Pretoria in Sudafrica con i genitori, viaggiatori con il sogno di perlustrare su un aereo a elica il deserto del Kalahari alla ricerca della sua città perduta. Dopo due lauree, un matrimonio finito e tre figli (tra cui Elon Musk, oggi CEO della Tesla Motors) nel 1990 torna in Canada, dove continua la sua carriera da modella iniziata a 15 anni e raggiunge il successo internazionale a quasi 50 anni (vi dice niente la campagna di Revlon?) fino al contratto con l'agenzia IMG Models nel 2015, a 67 anni. «Eppure quando avevo 22 anni credevo di essere già arrivata al capolinea», ha raccontato Maye ad Harper's Bazaar Usa, che l'ha intervistata (e fotografata nel ritratto in alto davanti all'obiettivo di Blaise Hayward) stilando insieme a lei una guida ai 10 consigli per vivere felicimente (e con stile) a ogni età.

1. Il tuo lavoro deve essere (anche) la tua passione
«Quando ti sei impegnata così tanto, e quando hai vissuto con la paura di non riuscire a pagare l’affitto, poi stare bene economicamente non è una cosa così importante. Non ho mai voluto smettere di lavorare e ancora oggi mi piace il mio lavoro. Mi sento come se stessi cominciando ora. Sta diventando sempre più eccitante. Potete immaginare cosa significhi cominciare una nuova fase della tua vita alla mia età?»

2. Peter Pan non esiste
«Ho cominciato a sfilare quando avevo 15 anni, e mi ricordo di aver incontrato una modella trentenne (era già vecchia per l’industria) ed erano tutti così felici di vederla. Crescendo ho poi vissuto la stessa esperienza. Quando esco a fine sfilata vengo applaudita, credo che la gente della mia età sia felice di essere rappresentata da me. A 28 anni, durante una sfilata di abiti da sposa, ho indossato l'abito pensato per la madre. Quando mi sono trasferita a Toronto a 42 anni, mi hanno fotografata in veste di nonna per una copertina. Ma non m’importava, perché avevo tre figli da sfamare. Oggi (a 68 anni, ndr) invece sto realizzando i lavori più importanti di tutta la mia carriera».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

3. La taglia non conta
«A 31 anni ho divorziato, è stato un periodo davvero stressante per me e sono aumentata di peso. Sono diventata così una modella per taglie forti, ottenendo molti lavori perché a quel tempo non c’erano molte modelle plus-size. Ma le cose stavano cambiando, infatti l’industria stava cominciando a cercare nuove taglie ed etnie».

(Maye Musk ai CFDA Fashion Awards 2016. Foto Getty Images)
Getty Images

4. Pensa sempre in grande (e sfrutta al massimo le tue capacità)
«Quando avevo 33 anni, sono andata in una piccola città del Sudafrica per fare un master in dietetica. Avevano bisogno di fondi per concedermi la borsa di studio, e mi dissero che li avrebbero raccolti cucinando biscotti e vendendoli a 60 dollari. Io risposi che se avessi cucinato i biscotti, li avrei subito mangiati, senza venderli. Pensai così di guadagnare soldi insegnando alle studenti a fare le modelle, a sfilare e a posare. Ma anche a truccarsi, a vestirsi meglio e creare acconciature. L’idea riscosse così tanto successo che cominciai ad avere tre classi alla settimana e presto fondai la mia scuola. Organizzammo molte sfilate nei negozi locali, e insistetti perché le mie studenti fossero pagate (anche se poco). Successivamente, quando mi spostai a Toronto, avevo bisogno di un ufficio per aprire il mio studio da dietista. Un’agenzia di modelle mi propose di posare per loro e di dirigere la loro scuola, in cambio di un ufficio gratis. Così la dietetica finì per diventare solo una piccola parte della mia carriera».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

5. Sii aperta a tutte le possiblità
«Quando Elon aveva 17 anni e Tosca 15 anni, mi chiesero di tornare in Canada (il paese originario della mia famiglia). Dissi di no perché a Johannesburg stavo ottenendo molti lavori come modella e volevo fare lì un dottorato. Ma andai a fare una vacanza in Canada con Elton e quando tornai scoprii che Tosca aveva venduto la casa con tutto l’arredamento e la macchina. Così al mio ritorno dovetti solo mettere una firma e andammo a cercare una nuova casa a Toronto. Non ho avuto scelta. A Toronto ripartimmo di nuovo da zero».

6. Lasciati travolgere dall’avventura (ma con prudenza)
«I miei genitori erano canadesi e volevano esplorare il mondo. Pensavano che l’Africa fosse eccitante (non se ne sapeva molto nel 1950), così portarono noi quattro figli a Città del Capo. Dovevamo andare a Johannesburg con l’aereo di mio padre ma non ci arrivammo perché sorvolando Pretoria se ne innamorarono. Il motto di mio padre era “vivi pericolosamente, ma con attenzione”. Sono cresciuta davvero serena e felice: i miei genitori erano davvero avventurosi, mio fratello maggiore ora è un neurochirurgo a Orange County, mia sorella più grande ha girato tutta l’Europa, è un insegnante d’economia e una ballerina di flamenco (si è esibita anche al Moulin Rouge). Ho una sorella gemella, si è ritirata ora e vive a Calgary. Ma parliamo tramite FaceTime ogni notte».

(Maye Musk all’apertura della mostra "Manus x machina: Fashion in the age of technology" al Met di New York nel 2016. Foto Getty Images)
Getty Images
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

7. Ama te stessa e anche il mondo ti amerà
«Quando avevo quasi 60 anni ho deciso di non tingere più i miei capelli di biondo e di tagliarli. La gente era convinta che non avrei più lavorato, ma mentre i miei capelli diventavano sempre più bianchi le proposte di lavoro continuavano ad aumentare».

8. Vivi a pieno il tuo presente
«Alle donne che mi chiedono i segreti per invecchiare bene rispondo sempre che non si può vivere nel passato, e che bisogna continuare ad aggiornarsi come la moda. Negli anni 60 avevamo tutte le ciglia finte, mentre ora il beauty trend è un makeup con un effetto più al naturale. Se rimani legata al passato sembrerai di conseguenza più vecchia anche tu».

9. Riconosci le tue debolezze e combattile
«Ho solo cibo nutriente a casa e quando qualcuno mi porta dei dolci li regalo al portinaio di casa mia, perché mi conosco: non so resistere e non so controllarmi. Non esiste l’assaggino per me, divoro e basta».

10. Pensa bene e agisci meglio
«Con i miei figli, ho preso d’esempio i miei genitori: li ho cresciuti, sostenuti e loro hanno seguito le mie orme. Ora Kimbal insegna ai bambini nelle scuole in contesti difficili a mangiare più sano, mentre Tosca ha vinto un premio per la fibrosi cistica ed Elon vuole salvare il pianeta. Voglio credere che questa loro etica di vita provenga dalla mia famiglia. Sono sempre stata una mamma lavoratrice che ha cercato di crescere i suoi bambini per renderli più indipendenti possibile».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Fashion News