Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Come il perizoma, comodissimo per le donne, nacque in realtà per lui

Genesi dell'indumento intimo più piccolo e super partes della storia (no, non era per noi donne).

Perizoma uomo
Getty Images

Tessuto qb. Quanto basta a coprire il minimo indispensabile. Biancheria intima preferita dalla stragrande maggioranza delle donne che la ritengono comodissima (!), il perizoma in realtà nacque con scopi tutt'altro che di praticità. E nemmeno per mettere in evidenza silhouette (iper) toniche sotto abiti attillatissimi. Ebbene no, il perizoma nacque praticamente insieme all'uomo. Fu, infatti, il primo indumento pensato per riparare i genitali dei combattenti, uomini combattenti. I quali, infatti, per proteggere la propria intimità da qualsivoglia aggressione, inserivano nella parte anteriore di questo proto-slipuna sorta di conchiglia. Ops: c'è un problema di cassetto e non è una questione genderless?

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Getty Images

Come racconta Rachel Lubitz su Mic.com nell'antico Egitto il perizoma, intimo indossato per tenere a riparo i "gioielli" dell'epoca, era una struttura di pelle animale e fibre vegetali. Indumento usato anche dalle popolazioni minoica e micenea intorno al 1570 a. C., dai lottatori di sumo nel VI secolo d.C. e dagli atleti nel 1800, solo nel 1939 il perizoma venne indossato da una donna, nello specifico da una ballerina di burlesque. La danseuse in questione è Jennie Lee che, in occasione del The World's Fair e per volere del sindaco di New York di allora Fiorello La Guardia, danzò con i glutei ben in vista.

Getty Images

Fu, però, solo dagli anni 60 che la biancheria intima cominciò a "rimpicciolirsi". Negli anni 70 il perizoma fece il suo ingresso trionfale nelle spiagge, ma fu nel 1975 che Lisa Taylor e Jerry Hall vennero immortalate da Helmut Lang con un costume intero a perizoma. Negli anni 80 poi fu Cher, in particolare nel video di If I Could Turn Back Time, a rendere questa lingerie in formato mini parte integrante della cultura pop. Nel 1998 Monica Lewinsky mostrò, galeotti dei pantaloni a vita troppo bassa, una parte della sua biancheria intima, nello specifico un perizoma, quella T che emergerà dal jeans per tutti gli anni 2000.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Getty Images

Oggi il perizoma, nonostante i suoi effetti quasi deleteri è lo slip considerato più comodo dal sesso femminile. Non importa se indossarlo alzi il livello di malattie intime (e odori intimi). Non importa se c'è chi addirittura ha ringraziato per il ritorno delle mutande della nonna (versione couture). C'è chi prova a glissare l'argomento trovando iper-sensuali le mutandine "cocotte" francesi e cerca di dimenticare quel primo indumento intimo della storia. Ma se c'è uno zoccolo duro di donne che ama il perizoma il motivo forse è da cercare nel fatto che il perizoma è la prima conquista femminile dell'armadio maschile e, volenti o nolenti, come non esserne fierissime?!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Fashion News