Tra bouquinistes e spose accademiche sfila la Haute Couture di Chanel 2019

Questa volta il Grand Palais diventa una strada - iconica - di Parigi: e le spose riscoprono il verde rame...

image
Getty Images

È sempre Parigi l’ispirazione migliore per l’Haute Couture di Chanel. D’altra parte questi capi sono fatti solo nella capitale francese e cuciti in rue Cambon, proprio sopra la boutique. Nessun riferimento però a quella stretta via del primo arrondissement, Karl Lagerfeld ha preferito la vista sulla Senna con tanto di bouquinistes (edicole che vendono libri, riviste e dischi usati) e suoi venditori (gli amici della maison come Hudson Krönig con i figli o Augustin dol Maillot) vestiti in felpa grigia con il logo «Institut Chanel».

Getty Images

Sul marciapiede sfila invece l’eccellenza degli atelier, abiti dalle centinaia di ore di lavoro che hanno questa volta i riflessi della Ville Lumière. I ricami di Montex assomigliano al ciottolato di Place de la Concorde, il bustier ricamato è perfino dipinto a mano da Lesage per dare un’idea di tramonto riflesso sulla Senna mentre i guanti in pelle di Causse sono lunghi oltre il gomito.

Getty Images

Una sfilata che occhieggia allo streetwear con le zip che rendono giacche e gonne più sportive e ancora più difficili da realizzare visto che sono come passamanerie e segnano “l’high profile” delle clienti Haute Couture. Donne milionarie che esigono sorprese e lavorazioni straordinarie come i tweed intessuti a mano o che sono fittissimi incrostazioni di perle e pietre. Anche la sposa sorprende: dopo due abiti bianchi e immacolati appare la modella sudanese Adut Akech Bior con mini velo tutta vestita in una nuance fra il verde menta, rame e reseda (tipico del Grand Palais dove ha sfilato Chanel). Una silhouette sottile e slanciata con tanto di revers ispirati alle giacche degli accademici di Francia. Una mariée da premio.

Getty Images
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Fashion News