La Faraonica New York di Chanel tema della sfilata Métiers d'Art 2018

Chanel reinventa l’Egitto di Cleopatra. E il nuovo Tutankhamon è Pharrell Williams.

Fashion, Runway, Fashion show, Fashion design, Fashion model, Event, Design, Performance, Military, Haute couture,
Getty Images

Non c’erano abiti da schiava ma solo completi da giovani principesse come avrebbero potuto desiderarli Nefrubiti e Nefertari. Ecco perché è stata scelta come location per la sfilata pre-fall Parigi - New York Chanel 2018/2019 la più grande sala egizia del Metropolitan Museum di New York, quella con le porte del tempio di Dendur, risalenti al 10 a.C. Una trasferta a stelle e strisce che è anche la scusa per poter far scoprire le singolarità della maison Chanel: i Métiers d’Art.

Getty Images

In Francia i mestieri d’arte sono la più alta forma di artigianato nel campo del design e dell’abbigliamento. Sono i laboratori che si occupano di piume, ricami, bottoni, plissé e altre importanti “minuzie” che, grazie a Chanel che ne possiede molti, sono rimasti giovani e prosperosi di idee. Quest’ultima collezione, ormai la sedicesima dal 2002, ne è un esempio. L’originale bizzarria sta nel rendere omaggio a una cultura e un’estetica (quella egiziana) che Coco non aveva mai abbracciato ma che Karl Lagerfeld e Virginie Viard hanno reso desiderabile anche dalle più giovani.

Getty Images


Fra donne sfingi con occhi di Iside disegnati da un eyeliner bianco o nero, non sono state poche le uscite dorate. Lino, canapa e lana si sono evolute bagnandosi dei riflessi aurei e trasformandosi in tweed intessuti a mano da Lesage. Un atelier parigino noto ancora di più per i suoi ricami questa volta ispirati ai fiori di loto ma anche agli scarabei (questa volta fatti da Goosens), uno dei portafortuna di allora. E l’omaggio continua esplorando il gusto esotico dell’Art Déco, che a New York ha proseliti e fioriture geometriche come quelle del Chrysler Building.

Getty Images


Non sazi di ripetere motivi già noti, Hubert Barrère di Lesage e Virginie Viard di Chanel hanno infuso a questi motivi dei tocchi Memphis alla Ettore Sottsass. Al posto dei Nemes, il copricapo di stoffa a strisce blu e oro, Karl Lagerfeld ha scelto un cappello usato nell’Egitto del Sud dalle nobili donne. Onnipresente anche la kalasiris, un abito di tessuto elastico, crespato o a maglia, sorta di sottoveste femminile da indossare oggi sotto il tailleur più milionari, quelli in cui i ricami di Montex sono così invisibili da sembrare tessuti.

Getty Images

Molti i colli alati ovvero gli hosckh che perdono le loro decorazioni di casta per diventare gioco grafico su giacche e chiodi in pelle. Linee tonde che si ammorbidiscono e si ricoprono di piume dipinte a mano con oro zecchino grazie a un altro famoso atelier: Lemarié, un’istituzione per tutto quello che riguarda le piume. Tra i leggings dorati opachi e calzature invece specchio, spuntano i bracciali e collane che hanno sempre riferimenti sottili alle divinità idolatrate in Egitto. E malgrado le proposte elitarie, non si è visto nessuno pschent, il copricapo dei re composto da casco, mitra e spirale. Tutti simboli che sono comunque piaciuti a Pharrell Williams che ha perfino sfilato a sorpresa. Fotografatissime anche Penelope Cruz, Marion Cotillard, Lily-Rose Depp, Julianne Moore e Caroline de Maigret.

GettyImages.com

La festa che è seguita, si è spostata più a sud di Central Park, in una struttura creata ad hoc e che riprendeva internamente i tipici Diner, locali che offrono tutto il giorno hamburger, patatine e bibite. Karl Lagerfeld, presente, ha assistito al concerto della cantante americana Kelela che si è fatta notare per le sue coreografie sensuali. Riprendevano pose egizie anche i ballerini di Broadway che si sono esibiti sul palco a ritmo dei suoni di Black Madonna.

Alessandro Argentieri
This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Fashion News