Da Giorgio Armani Privé ogni cosa è illuminata

E il Petit Palais di Parigi diventa per un giorno tutto italiano.

Vivono di un’energia siderale, opalescente, celestiale e cristallina i look pensati da Giorgio Armani che, per la prima volta, ha voluto sfilare con la luce naturale del tramonto e ha scelto il mitico Petit Palais di Parigi (non proprio piccolo, a dispetto del nome) che ha vetrate infinite nel suo piano nobile. Un dettaglio non da poco per chi ha sempre creduto in location sempre riscaldate da faretti sulle modelle e sul pubblico. Questa volta invece per la sua trentesima sfilata Haute Couture, i bagliori del tramonto hanno dato un nuovo senso a una collezione magistrale.

Senza pensare alla solita spasmodica e futuristica ricerca di forme, il signor Armani si è tuffato nelle acque limpide di ruscelli creativi che pregiavano di luce, velata educazione e sensuale evanescenza ogni completo. Le sue amatissime giacche, così avvitate sono nei colori più chiari del crema, perla, cipria si indossano con i pantaloni più larghi argentati.

Isidore Montag/Imaxtree.comImaxtree

I cappotti hanno incrostazioni perlacee e le nuvole di tulle si adombrano di pois dall’eleganza senza tempo. Altra impercettibile astuzia di stile sono le reti che grazie alle più sottili perle o gli impercettibili cristalli Swarovski fanno splendere i movimenti più aggraziati ed evidenziano la silhouette eterea ma scattante di ogni donna.

Fra citazioni neo-folk, strappano gli applausi anche le maxi gonne che in ogni foggia danno un senso più romantico alle giacche sartoriali. Che siano a balze, longuette, svasate o etniche ognuna di loro rivela ad ogni ancheggiamento una ricerca fine di ricami e decorazioni, che emanano riflessi d’altri tempi, emozione pura per chi cerca una poesia visiva contemporanea.

Isidore Montag/Imaxtree.comImaxtree

La modernità permane in ogni look avvalorata dai suoi accessori che Giorgio Armani da sempre propone nell’Alta Moda, consapevole di quanto chi creda in questi investimenti sartoriali, esiga una perfezione totale di look.

Alla fine lui esce solare e radioso e si concede tutta la passerella per raccogliere i meritati applausi, consapevole di avere emozionato affezionati ma anche star del calibro di Zendaya o Nicole Kidman, fra l’altro accompagnata da due mariti. Uno cinematografico (Alexander Skarsgard in Big Little Lies) e l’altro reale da 13 anni, Keith Urban.

Isidore Montag/Imaxtree.comImaxtree

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Fashion News