La prima Haute Couture “stravagante” di Valentino

Pierpaolo Piccioli emoziona Parigi, fra lacrime, applausi e bellezza per tutti.

image
Isidore Montag/Imaxtree.comImaxtree

Ci sono sfilate di Alta Moda memorabili per la loro opulenza, altre che sorprendono per i loro concetti più intellettuali e altre ancora, rarissime, che lasciano senza fiato, con gli occhi pronti a scoppiare di lacrime perché si è stati colti dalla sindrome di Stendhal, causa la bellezza vista. E, da italiani, possiamo dire che con piacere la sfilata di ieri di Pierpaolo Piccioli si annovera fra queste.

Isidore Montag/Imaxtree.comImaxtree

Complice il sole del tramonto che illuminava le stanze, l’incedere delicato e nobile delle modelle, il ticchettio gentile dei tacchi vertiginosi, la musica che toccava il cuore (grazie anche a Michel Gaubert e Ryan Aguilar) ma anche questa volta è stata il miglior finale dell’Haute Couture di Parigi.

Isidore Montag/Imaxtree.comImaxtree

Vedere così tanta bellezza, ben 71 uscite, sfilare a passi timidi ma eleganti (e non da coyote arrabbiato come in certi show) o assaporare l’alternanza dalle stanze e dai corridoi di modelle, colori e forme, ha reso tutto una performance artistica, più che una mera presentazione di abiti da vendere a danarose e sconosciute signore del mondo intero. Sono creature che potrebbero essere uscite dalle migliori produzioni di Cecil B. DeMille o dalle Ziegfield Follies ma che piacciono proprio per la loro leggerezza visiva e cromatica.

Come già da qualche stagione, Pierpaolo Piccioli sta ricalibrando la tavolozza di Valentino con accostamenti pungenti ma apprezzabilissimi, con tessuti dimenticati e ore di lavoro, come nelle migliori sartorie del secolo scorso.

Isidore Montag/Imaxtree.comImaxtree

Si è perso ogni atteggiamento altero del vecchio Valentino, anche a livello creativo, e grazie a una sorta di stravagante minimalismo si è arrivati a incuriosire chiunque. Non è detto che tutto piaccia, ma almeno ci si interroga sul perché certi fili di lana, effetto pastore bergamasco, adornino teste e acconciature. O i copricapi, ispirati alla Medea di Pasolini, rivisti però in chiave moderna. E poi l’idea altruista, sinonimo di sicurezza da parte di Pierpaolo Piccioli di condividere applausi e successo con premières, sarte e giovani lavoranti che con lui sono usciti a fine sfilata. Senza dimenticare che gli abiti non avevano più nomi d’arte ma i nomi di chi vi ha lavorato per mesi. Anche il signor Valentino Garavani approva, applaude e si concede ai fotografi. Come Céline Dion, Lauren Hutton (che ha sfilato), Rossi de Palma e Naomi Campbell felici ed emozionate di aver vissuto un momento indimenticabile.

Isidore Montag/Imaxtree.comImaxtree

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Fashion News