Ogni anno la Terra, il pianeta che abitiamo, ci regala le sue risorse naturali, come l’acqua e il terreno fertile, necessarie per la nostra esistenza. Abbiamo dato un nome alla sua capacità di rigenerarle: è il capitale naturale della Terra. Questo processo, però, è più lento rispetto al ritmo con cui le consumiamo. La progressione di queste due velocità viene misurata calcolando la data dell'Earth Overshoot Day, il momento in cui arriviamo ad aver consumato le risorse che la terra ci mette a disposizione. Quest'anno è stato il 29 luglio, dieci anni fa era il 18 agosto; quando si è iniziata questa statistica, cinquant'anni fa, era il 29 dicembre. Cosa significa? Che stiamo consumando più di quanto il Pianeta possa offrirci. Invertire la rotta si può, e si deve, a partire dalle nostre abitudini quotidiane e dalle scelte di consumo.

“Stiamo cercando di guidare un cambiamento positivo” Nadja Swarovski

Non si tratta solo di chiudere l'acqua mentre laviamo i denti o di fare attenzione agli sprechi di cibo nel frigorifero, ma anche di farci più domande su ciò che acquistiamo e indossiamo. A partire dai gioielli. L'impatto ambientale delle miniere da cui vengono estratte le pietre preziose che ci fanno innamorare, ma anche il trattamento dei lavoratori e l'effetto sulle comunità locali, sono aspetti a cui dovremmo dare (più) importanza quando facciamo acquisti. Atelier Swarovski si muove esattamente in questa direzione, seguendo un'idea di Conscious Luxury che si traduce nella ricerca di materiali a provenienza responsabile e di metodi di lavorazione più rispettosi, impegnandosi per avere un impatto positivo sulle persone e sul Pianeta.

Courtesy photo

Swarovski Created Diamonds

Creati in laboratorio con evoluti processi di sintesi che in poche settimane replicano le condizioni dello sviluppo naturale di un diamante, hanno le stesse caratteristiche ottiche, chimiche e fisiche di quelli estratti dalle miniere, con un impatto ambientale decisamente ridotto. Gli Swarovski Created Diamonds sono identici ai diamanti naturali, esattamente come un'orchidea sbocciata in serra è identica a una trovata in natura.

Nel 2018 l'American Federal Trade Commission ha stabilito che “un diamante è un diamante, che sia sviluppato in laboratorio o che venga estratto dal suolo”. Atelier Swarovski sceglie di usare Swarovski Created Diamonds come alternativa consapevole a quelli naturali: una volta lavorate, le pietre brillano della stessa raffinata bellezza e riflettono lo storico heritage di Swarovski.

Nadja Swarovski e Penélope Cruz
Courtesy photo

“Il futuro del lusso sostenibile dipenderà dall'uso responsabile dei materiali per dare ai consumatori una scelta di prodotti bellissimi e realizzati con cura e rispetto - spiega Nadja Swarovski, membro dell’executive board dell’azienda di famiglia e Direttore Creativo di Atelier Swarovski. Le pietre create in laboratorio giocano un ruolo vitale in questo. Infatti, per le nostre collezioni di alta gioielleria Atelier Swarovski abbiamo impiegato Swarovski Created Diamonds, smeraldi e rubini creati in laboratorio - che hanno un minor impatto rispetto a quelli naturali - oro riciclato e Fairtrade, e Swarovski Genuine Topaz da fonti responsabili. Pensiamo che ci sia spazio per tutti questi materiali, specialmente quando agiscono in sinergia per garantire condizioni di vita dignitose per le comunità e per ridurre significativamente l'impatto ambientale.


Nella sua missione per la salvaguardia del Pianeta, Nadja Swarovski può contare su molti alleati. Tra questi, ci sono le star con cui il brand collabora per il design delle sue collezioni. Penélope Cruz, in veste di brand ambassador, ha illuminato il Festival di Cannes sfoggiando il più grande Swarovski Created Diamond mai indossato su un red carpet. Un'eccezionale occasione di visibilità per questi diamanti, e un richiamo ai gioielli creati dall'attrice spagnola in collaborazione con il brand austriaco.

Courtesy photo

I gioielli della collezione disegnata da Penélope Cruz per Atelier Swarovski si ispirano al glamour dei red carpet e della vecchia Hollywood, ma anche agli affetti più importanti e alle donne forti intorno a lei. Il profilo di Luna di alcuni pezzi è un riferimento alla figlia dell'attrice, un anello richiama un gioiello regalatole dalla nonna e andato perduto. Al centro di tutto, resta il concetto di Conscious Luxury per cui i gioielli sono composti da Swarovski Created Diamonds, pietre preziose create in laboratorio e naturali incastonate in oro da fonti responsabili.

“Ho la fortuna di essere in una posizione in cui posso contribuire a mettere in luce il tema del Conscious Luxury. Ci tengo a ridurre il mio impatto sul Pianeta - afferma la Cruz - e data la tradizione di Swarovski nel mettere la sostenibilità al centro del suo operato, è un partner perfetto. Questa collaborazione ci da l'opportunità di aprire la discussione sul Conscious Luxury e creare prodotti con un impatto positivo.”


Atelier Swarovski by Pénelope Cruz Fine Jewelry Collection è disponibile esclusivamente sul sito Atelier Swarovski e sul sito Luisaviaroma.com.