Il Vegan Rock di Jeremy Scott

Da Jon Bon Jovi fino alle coloratissime Misfits, lo stilista americano rende il rock un cartoon. Questa volta tutto da indossare.

image
matteoscarpellini.comImaxtree

Sarà stato l’omaggio trovato sul proprio posto che ha fatto deviare il pensiero ma la sfilata, che più ci si aspettava irriverente e trasgressiva, ha svelato anche un inaspettato lato razionale. D’altra parte Jeremy Scott è diventato vegano ma soprattutto un salutista di prima categoria. Così tanto da aver omaggiato sulle panchine delle prime file, una legalissima confezione di Sakara, polvere antiossidante, energetica e armonizzante, che oltretutto ha un ottimo sapore di cioccolato. Una scelta che fa pensare che questa energia positiva si sia riversata anche sulle sue passate passioni come il rock. I ricordi dell’infanzia (Jeremy è nato a Kansas City nel 1975) hanno dimenticato la nostalgia degli anni 80 è portano solo ottimismo nel presente di oggi (Moschino rappresenta il 71,5% dei ricavi del gruppo Aeffe, che produce anche la sua collezione). Il suo omonimo marchio inoltre ha registrato nel 2018 ricavi per 122,3 milioni, in crescita del 16,7% rispetto agli stessi mesi del 2017.

Courtesy Photo

Numeri a parte, il rock in passerella parte per ispirazione da Axl Rose e Daniel Lee Roth ma poi nella colonna sonora dello show diventa più regolare e ritmato grazie a Karla Devito e ai B-52 per finire con Jean-Michel Jarre. Vale a dire dall’espressione personale più aggressiva finisce tutto in uno stile più minimale del compositore francese.

Courtesy Photo

E così la sua moda accoglie riferimenti artistici ma poi diventa manga nelle parrucche dai colori pastello e imprevedibile nei look da groupie, scintillanti di paillettes dorate, pelle laminata e stampata effetto craquelé, abitini fascianti dalle spalle esagerate proprio come nelle disco anni 80. Univa esagerazione le marsine ottenute da slip in seta di vari colori, assemblati assieme come fosse un tessuto con buchi irregolari.

Courtesy Photo

Anche se ad ascoltare Jeremy, sono Pizzaz, Roxy, Stormer e Jetto le sue muse segrete, quelle del gruppo The Misfits (da non confondere con l’omonimo gruppo maschile americano). Queste avventurose ragazze sono un cartone animato degli anni 80 che rappresentano il sogno e l’anima di Jeremy Scott. Da queste creature sono nate Barbie coloratissime, come altri personaggi animati del calibro delle Jem and the Holograms molto glam metal e hard rock che si intravedono in questa sfilata. Ad applaudire queste leggendarie e anche dimenticate eroine c’erano le top model Gigi Hadid e Irina Shayk la cantante Kehlani, tutte vestite Jeremy Scott. Senza dimenticare la dj Mia Moretti e amiche come la top Coco Rocha e Heidi Klum con suo marito Tom Kaulitz.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Fashion News