Le stampe nascoste di Giorgio Armani

Da una coperta a stampa Ikat nasce l’ultima collezione Privé. Che dimentica l’etnico per tuffarsi nel colore.

image
Matteo ValleImaxtree

L’hanno sempre definito il re della giacca ma dopo questa collezione Giorgio Armani può anche pregiarsi di essere diventato il maestro della luce. Perché quello che più colpisce alla fine dello show (uno e soltanto per 400 persone) è l’uso sapiente e coerente di cristalli (Swarovski e possiamo dirlo perché lui è uno dei pochi a volere sempre quelli originali) che adornano il 90% della collezione. Una furbizia che rende possibile ogni accostamento e dona un’attitudine mondana a ogni movimento. Dimenticate il greige e immaginate pennellate alla Chagall, un fluire di colori primari saturi come non mai fili e di frange in cui ogni colore si mescola. Dal verde pavone all’incantesimo del blu Klein mentre l’ardito fucsia si fonde con il rosso e nero. È proprio la luce che rende possibile questi abbinamenti che potrebbero ricordarci stralci e pennellate delle avanguardie russe ma invece sono un moderno omaggio all’Ikat.

Paolo LanziImaxtree

Da sempre amante dell’Asia, Giorgio Armani ripensa a certi look ispirati a costumi e tessuti indiani e malesi che già avevano fatto la sua fortuna negli anni 90. Oggi però li copre di magnetici riflessi fra perline e paillettes, sottili e sovrapposte collane senza fine e gonne contadine che proprio per le loro forme fluide e composte generano una voglia di etnico, autentico e possibile.

Paolo LanziImaxtree

I 78 look sono sempre bagnati dalla luce e grazie alla scelta musicale di flauto e chitarra (cercate Recuerdos De La Alhambra di Musette per capire meglio) ogni movimento delle modelle appare più aggraziato, ogni luccichio non è mai esagerato e i rimandi alle stampe Ikat perdono la pesantezza folkloristica per diventare segni di contemporaneità garbata. Quando finisce la sfilata ci si sente come in un altro mondo, come se i chakra fossero stati equilibrati da tanta atipica bellezza. Facile immaginarla anche addosso alla sorridente Reese Whiterspoon presente allo show o a Juliette Binoche, mai così in forma.

Paolo LanziImaxtree
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Fashion News