I capi di Francesca Liberatore della prossima Fashion Week all'asta per sostenere l'onlus Golfini Rossi

Un colpo di fulmine, due donne dall'entusiasmo contagioso, un'urgenza e un'asta a cui partecipare.

milan, italy   february 22 models are  seen backstage at the francesca liberatore fashion show on february 22, 2020 in milan, italy photo by vittorio zunino celottogetty images
Vittorio Zunino Celotto

All’ultima Milano Fashion Week di uno strano febbraio 2020, due donne molto diverse tra loro erano sedute nel salotto della nostra decima edizione di #CasaMC. Non si conoscevano, non si sarebbero più lasciate. Se molto si dice della sorellanza lavorativa, del supporto professionale tra donne di successo, poco si mette in pratica? Non è il caso di Tiziana Bernardi e Francesca Liberatore. La prima è una donna che ha fatto commuovere per chiarezza e urgenza di messaggio: è la fondatrice di Golfini Rossi, onlus no profit che punta a sostenere in loco e con una rete che dall’Italia porta a Mvimwa, Tanzania, addetti ai lavori che insegnino alle popolazioni locali a migliorare le proprie professionalità. La seconda è una stilista iper attiva, docente sull’asse Milano - New York, desiderosa di non fermarsi nonostante la crisi nera della Moda causa Covid. Insieme hanno deciso di mettere in pratica la sostenibilità umana: parte dei capi che Francesca Liberatore creerà e farà sfilare il 25 settembre durante la Milano Fashion Week del prossimo 22/27 settembre, saranno messi all'asta e tutti i proventi andranno interamente a sostenere Golfini Rossi. Non a caso la location che ospita la sfilata è Cambi Aste in via San Marco, già dal 16 settembre si può partecipare all'asta anche online (qui tutte le info). Il fine: raccogliere fondi per ampliare il locale mensa, reparto riabilitazione e accoglienza disabili del monastero benedettino di Mvimwa dove si raccolgono tutte le attività formative della onlus.

Courtesy

Una scelta radicale per fare squadra in un momento mai così complesso: un appello che la stilista lancia anche ai buyers, che portino i suoi capi nelle vetrine italiane devolvendo l’intero ricavato all’associazione che Tiziana Bernardi, ex donna della finanza, ha lanciato, sostenuto e continua ad ampliare con un entusiasmo fuori dal comune. “Francesca mi ha chiamata durante l'estate per annunciarmi che è disposta a mettere in asta tutti gli abiti della sua nuova collezione devolvendo l'intero incasso alla nostra onlus per sostenere la fase 4 e 5 del progetto di Sanità a Mvimwa. Sta nascendo dunque una nuova modalità di far conoscere la nostra Associazione ma soprattutto di fare del bene mobilitando intere filiere” racconta Tiziana Bernardi che in questi anni sta creando un network di partners scientifici nazionali che dialoghino con le istituzioni e governative tanzaniane. La moda si offre, non soffre e basta: e dalla sfilata virtuale, quindi di suo democratica, all'acquisto consapevole con un fine come questo siamo tutti, ufficialmente invitati a partecipare.

Qui tutti le informazioni per partecipare all'asta e contribuire a questa nuova avventura.


This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Fashion News