Il TX3, contest per giovani talenti

Finalmente una competizione che non abbandona i vincitori. Ma li accompagna a un (auspicato) successo.

image
TX3

La patria del Made in Italy, il luogo d'elezione della creatività internazionale (e adesso basta con i luoghi comuni) fa molta, troppa fatica ad accogliere tra i suoi cittadini i giovani talenti della moda. È molto restia a dar loro il lasciapassare di “creativi operativi”. Preferisce confinarli nella clandestinità degli uffici stile dei megabrand, nell'anonima opacità di stanze asettiche, tanto lontane dai riflettori sulle passerelle.

Fuor di metafora: se sei uno stilista, da noi è difficile emergere. E non bastano lo show televisivo, la competizione anche se pensata bene, il contest pur condotto con tutti i crismi: se l'estro che possiedi è inversamente proporzionale al conto in banca e nessuno si (pre)occupa di farti da ponte con il mondo della finanza e della distribuzione, rischi che le tue idee giacciano bidimensionali nel cassetto delle tue capacità. E il rischio conseguente è che – in cambio dei warholiani 15 minuti di celebrità – autorità e istituzioni patinate ti sfruttino per fare bella figura, e poi ricacciarti definitivamente nell'oblio.

È per questo che il progetto della start-up TX3, un nome vagamente robotico dietro cui si nascondono quattro imprenditori veneti (Diletta Iaia, Grazia Meroni, Emanuele Canegrati e Roberto Lorenzi uniti a Trevifin, holding finanziaria del gruppo Trevi) ci fa sperare che qualcosa si muova nel senso giusto. Di 15 giovani stilisti, contattati attraverso il web o le scuole di moda, una giuria di addetti ai lavori ne ha scelti otto. A quelli selezionati verrà chiesto di creare tre collezioni (rigorosamente fatte in Italia) nel corso dell’anno, interamente finanziate dalla start-up, che le metterà in vendita online su una piattaforma dedicata.

Alla fine, sarà quindi il pubblico – cioè i consumatori – a essere il giudice finale, e non è detto che le linee più commerciali avranno per forza avere più successo. A Milano, dove si è svolta la selezione, ogni designer ha presentato un modello realizzato, la propria filosofia di lavoro, la sua fonte d' ispirazione. I vincitori? Stefano Lo Muzio, Simone Galofaro, Michele Cadelano, Tsu Yao Wang, Giulia Geromel, Katherina Purkarthofer, Lin Yang e Irene Silvestri. Personalmente (essendo nella giuria) ho trovato particolarmente interessanti le proposte dedicate alla moda maschile, altra magnifica presenza dell'Italian Style che è sempre un po' data per scontata. E invece il meraviglioso cappotto militare con un grande, grezzo ricamo in lana sul retro (una suggestione innescata dalla visione di Salò o le 120 giornate di Sodoma), di Michele Cadelano è stata una piacevolissima sorpresa, come il menswear minimal-cerebrale di Stefano Lo Muzio.

Ma forse non è giusto tifare per un nome o un altro, quanto augurarsi che questa strada possa portare chi lo merita a un successo uguale a quello che il nostro sistema-moda è tanto abituato da tempo. Così abituato da non accorgersi che, di questi tempi, potrebbe perdere il primato su cui si è addormentato.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
TX3

Katharina Purkarthofer e Simone Galofaro insieme ai modelli.

TX3

Katarina Purkarthofer insieme alla modella.

TX3

Stefano Lo Muzio insieme al modello.

TX3

Giulia Geromel e Stefano Lo Muzio insieme ai modelli.

TX3

Simone Galofaro insieme alla modella.

TX3

Tutti i vincitori.

TX3

Stefano Lo Muzio insieme al modello.

TX3

Giulia Geromel insieme al modello.

TX3

Michel Cadelano insieme al modello.

TX3

Irene Silvestri insieme alla modella.

TX3

Lin Yang insieme alla modella.

TX3

Yu Tsao Wang insieme alla modella.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Fashion News