Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Lo stile di Audrey Hepburn, Grace Kelly e Jackie Kennedy si basa su tre regole sacre

Capi cult, abbinamenti eterni e buon gusto smisurato.

Getty Images

Audrey Hepburn, Grace Kelly e Jackie Kennedy sono state e sempre saranno le donne dallo (e dello) stile gigantesco. Ma se esiste, qual è quella magia che ha trasformato le loro scelte di stile in un manifesto di eleganza pura? Tre donne diversissime, tre vite slegate ma connesse, e un curriculum di pezzi cult pazzeschi, gestiti benissimo perché perfettamente in linea con tre regole sacre. Queste.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Getty Images

1) Scegliere pezzi cult. Un grande classico. Eppure. Eppure per Jackie erano gli occhiali da sole, per Grace Kelly la sua omonima it-bag (a oggi l’investimento migliore sul mercato), per Audrey Hepburn il tubino nero minimalista by Givenchy. A ciascuna il suo capo cult interpretato magistralmente, a ciascuna il suo accessorio da celebrare e consacrare nell'Olimpo dei pezzi cult da avere.

2) Scegliere capi semplici ma abbinarli divinamente. Per Jackie Kennedy era un "semplice" tailleur rosa di Chanel passato alla storia. Punto. Per Grace le camiciole botton-up abbinate a gonna a ruota e cinturona, e per Audrey Hepburn era un semplice dolcevita nero linkato a un paio di ballerine piattissime. Tutti pezzi apparentemente molto classici, quasi banali, ma accostati divinamente. A,G&J in questo erano delle vere fuoriclasse.

Getty Images
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

3) Scegliere capi che esaltino la silhouette. Audrey Hepburn, Grace Kelly e Jackie Kennedy sapevano come vestirsi perché conoscevano bene il loro corpo. Grace Kelly, ad esempio, si vestiva con abiti che evidenziavano il suo vitino da vespa e l’elegante curva della sua scollatura, mentre Jackie puntava su gonne a tubino aderentissime che segnavano i suoi fianchi contenuti e perfetti. Poi c'era Audrey Hepburn, magra di costituzione che ha sempre dichiarato a Hollywood di aver una silhouette così sottile non per vezzo ma per un passato (aver vissuto durante il nazismo in Europa) che aveva naturalmente modificato il suo metabolismo. Lei era IL bon-ton di Hollywood in un periodo storico in cui erano le curvy a dominare il mondo. Avete preso nota?

Courtesy photo Gettyimages.com

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Look delle star