Britney Spears oggi con ombelico in vista per Kenzo (come 20 anni fa)

Scattata da Peter Lindbergh la campagna non è SOLO pubblicità: è una risposta di Britney (a molti).

image
Courtesy Photo

Ci sono angoli di città gigantesche che sembrano rispuntare sempre, quali refrain di un mondo con le idee molto chiare. La città in questione è New York, l’angolino in questione ricorda molto quello che 30 anni fa portò Naomi, Claudia, Cindy, Tatiana e Christy nell’Olimpo delle top. Proprio Christy Turlington in un’intervista fiume sul D della Repubblica raccontava come quello scatto per Vogue UK in quell’angolo di Manhattan le avesse cambiato la vita. A scattare la cover era Peter Lindbergh. Lo stesso che ora ha davanti una Britney Spears oggi molto cambiata (oppure no?) in uno scatto - e angolo di mondo - molto simile quale testimonial per la Kenzo Collection Memento N°2. Peter Lindbergh cambierà la vita di Britney Spears, araba fenice per sua stessa forza e autodistruzione? Il suo ritorno in total denim - leitmotiv della collezione e motivo per il quale la coppia Carol & Humberto ha scelto Britney - è segno del suo ritorno a gloria e fama?

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy Photo

Britney Spears oggi in succinto bikini denim e cuissardes altissime (sempre blu jeans) è tutto e il contrario di tutto quello al quale ci ha abituato da almeno cinque anni. Lo scatto non è in quella Manhattan che ha dato i natali al mondo delle top model. Qui siamo a Los Angeles, ambiente molto più spearsiano di Manhattan (oltre che hometown dei designer di Kenzo). Felpe, spolverini, cappellini: mai avremmo immaginato Britney a fianco del duo più pop, ma anche più snob, che da anni vola tra Parigi e Los Angeles per interpretare l’eredità di Kenzo Takada. Mai avremmo pensato di rivedere Britney Spears con quella smorfia che ha fatto consumare un singolo pop fino alla nausea: Baby one more time.

Courtesy Photo

Mai avremmo pensato di rivedere Britney Spears endorsare fieramente il mito americanissimo del denim, del biondo, dell’ombelico con piercing in vista (ombelico che ha portato una generazione intera a desiderare quel piercing). Il potere dei cliché da rompere, distruggere, archiviare. Potere che ha molto a che fare con Britney Spears caduta in oblio all’arrivo del temporale Rihanna. Reginetta ai tempi della coppia Britney Spears e Justin Timberlake, poi dannata per quell’esaurimento nervoso con taglio rasato, matrimoni andati male e l’arrivo del perfezionismo di Taylor Swift a oscurare la buona vecchia (in amitié) Britney. Britney che ha aperto le porte di quel pop da record e ne è stata presto congedata per assenza di coolness (che poi siamo sicuri?).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy Photo

Ecco qui c’è un cortocircuito emotivo che ha molto a che fare con la nostalgia: la Collection Memento N°2 di Kenzo è un viaggio negli archivi della maison, ed è indubbiamente un viaggio nell’archivio di stile di Britney Spears età mooooolto vicina a quei 37 anni che potrebbero mettere in discussione la voglia di posare con piercing all'ombelico e addome tonicissimo. E invece no, questo è un manifesto (pubblicitario, certo) a chi aveva archiviato Britney negli affari degli anni Zero, senza troppi colpi di stile e troppi colpi di testa. Esattamente 20 anni dopo (Baby one more time usciva nel 1998) Britney Spears è ancora l’unica a potersi permettere di posare con ombelico in vista e smorfia di rito. Chapeau.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Look delle star