Da 25 anni Winona Ryder è la coscienza delle donne piccole con seno grande

Taglie petite che hanno imparato a sillabare tutte le lettere dell'alfabeto in cerca di una coppa perfetta: la musa di Tim Burton è la nostra musa.

image
Getty Images

Annus Domini 1987. Winona Ryder entrava per la prima volta in vita sua dentro uno schermo in 16:9. Annus Domini 1987. Winona Ryder era per la prima volta in vita sua protagonista del flop più grande della sua vita. Errata corrige: prima e ultima volta. Spigliatezza da sobborgo del Minnesota, caschetto ruggine secondo (secondo, secondo chi???) solo a Sophie Marceau, sedici anni e un futuro per scrivere la storia di Hollywood (e Netflix). Winona Ryder parte da una sfortunata Square Dance per finire nelle mani (ahia) di Edward (mani di forbice) di Tim Burton e in quelle molto poco raccomandabili di Angelina Jolie in Ragazze interrotte. Al pubblico non è importato dei suoi arresti per taccheggio nei centri commerciali, dei suoi processi per la detenzione di farmaci stupefacenti, dei suoi anni lontana dai set costretta a libertà vigilata. Winona e il suo pixie cut, e i suoi rossetti mattone (e non c’è altro termine da usare quando si parla di rossetti e anni Novanta), e il suo incarnato perlescente, e il suo décolleté generoso racchiuso in pochi centimetri di altezza. Icona mignon fra icone da un metro e novanta (leggi alla voce Dream Team), Winona Ryder è la musa ispiratrice dei look per donne piccole con seno grande.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
1 Il blazer over and over and over...
Ron Galella, Ltd.Getty Images

1989, Hollywood Roosevelt Hotel, California. Abito bianco à la Marilyn Monroe, sorriso (e collant) da lolita, Winona Ryder in blazer nero volutamente (s)sproporzionato per (s)coprire la scollatura ad libitum.

2 Il doppiopetto pour homme di Acne Studios
mytheresa.com/it
mytheresa.com
600,00 €

Ispirazione maschile (e quindi iper femminile), spalline leggermente imbottite (pesantemente Eighties), simmetrie ad hoc per essere indossato da solo. Sì, sotto il blazer niente.

3 I jeans a vita bass(issim)a
Terry O'NeillGetty Images

È il primo anno dei Novanta e Winona Ryder personifica il trend croce e delizia del decennio a venire: il denim a vita bassa, molto bassa. Prossimo al ritorno su questi schermi couture, il jeans più amato-odiato della storia si indossa con la camicia XXL, preferibilmente con il colletto che ha ancora il profumo di "lui".

4 I cinquetasche "periodo blu" di The Row
mytheresa.com/it
mytheresa.com
640,00 €

Denim giapponese, lavaggio che si sillaba in francese "délavé", zampa americana dal mood Charlie's Angels. P.S. Lasciano la caviglia scoperta, pronta ad ospitare le scarpe-ossessione di stagione.

5 La maglietta (off) white
Ron Galella, Ltd.Getty Images

Look da aeroporto, valigia à la main, calzino è stringata à la Michael Jackson, mano nella mano di... Johnny Depp. Winona Ryder in t-shirt bianca risolve l'equazione degli outfit in bianco e nero... e del romanzo rosa (finito male) di Hollywood.

6 La t-shirt bianca filosofia di vita by Vince
mytheresa.com/it
mytheresa.com
75,00 €

Stancarsi di una t-shirt quattro stagioni sarebbe come stancarsi delle ferie estive. Conoscete qualcuno a cui è mai successo? Mentre ci pensate, riflettete anche al tipo di maglia minimalista a cui volete prestare fedeltà: cotone organico spesso o effetto setoso (vedo non vedo, soprattutto)?

7 Piccole (grandi) Donne, piccole (grandi) borse
Getty Images

Non ha generazioni, si tramanda di madre in figlia, resta un'icona indiscussa. Cos'è? Una it-bag in tela vela, gabardine di nylon per chi ha imparato a memoria il vocabolario della moda.

8 La tracolla über chic di Prada
mytheresa.com/it
mytheresa.com
1.250,00 €

Sfiorare una manciata di centimetri di gabardine di nylon e trovarsi catapultati con mente e cuore sotto la Galleria Vittorio Emanuele II di Milano. Icona a-generazionale, a-stagionale, la utility bag in tela vela è la cosa più dolce del back to office.

9 Lo slip dress "rubato" a Kate Moss
Steve GranitzGetty Images

C'è una e una sola regina dell'abito sottoveste, a maggior ragione alla fine del secolo scorso, le altre - vedi Winona Ryder alla 69esima edizione degli Academy Awards - sono (splendide, sia chiaro) copiaincolla. P.S. Quell'anno l'Oscar lo vinse Il paziente Inglese. A Winona diamo quello per il best look (pouch bag al primo posto).

10 Spaghetti/spaghetti/spaghetti
mytheresa.com/it
mytheresa.com
320,00 €

Come capellini d'angelo al dente, le spalline dello slip dress di Asceno accarezzano le clavicole e arrivano fino al décolleté. L'abbinamento tricky 90s??? Il maxi cardigan in lana mohair...

11 Il cappello da baseball sport statement
Getty Images

Impresse sul cappellino con visiera XXL, le lettere preferite da Winona Ryder non simboleggiano una squadra di baseball del cuore ma la città dove tutto può diventare realtà.

12 La tifoseria dal Vangelo secondo Gucci
mytheresa.com/it
Gucci mytheresa.com
390,00 €

Tartan inglese, sport di bandiera (americana), savoir faire italianissimo. Alessandro Michele per Gucci gira il remake del cappellino da baseball più famoso EVER.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito