La stampa floreale non si indossa d'estate ma d'inverno (e le tendenze fall winter confermano)

Pensavamo che i fiori fossero una poesia estiva? Ci stavamo sbagliando. Da Dior A Valentino indagine (in video) dei trend book invernali.

image
Imaxtree

Una passeggiata notturna attraverso un giardino fiorito. Su uno sfondo nero, campi di fiori ricamati o stampati. La freschezza di un nuovo fiore e il pericolo e il mistero dell'oscurità si mescolano, proprio come tessuti e trame contrastanti: ricami voluminosi, giochi di trasparenze. Come in un giardino inglese, qui non c'è una linea retta, si tratta di curve, pendenze, diagonali, pieghe che coprono o rivelano. Abiti paesaggistici, ecco, è così che si possono definire.

Maison Dior mescola tenerezza e pericolo, garze che rivelano il seno, occhiali da sole che nascondono gli occhi. Prada gioca sulla stessa trasparenza, ma con un'atmosfera più tecnica, quasi più aggressiva, decisamente più oscura. Valentino ci accarezza i piedi, in un giro romantico di valzer: Pierpaolo Piccioli sa fare bene il suo gioco, con un tocco in più di gotico primaverile.

Il cappotto interamente ricamato di Burberry è un invito a intraprendere un viaggio orientalista. Phillip Lim crea patchwork con un tocco di rétro anni '90, mentre Balenciaga mostra l'ormai consacrata cifra stilistica, che questa volta sembra pronta per un weekend romantico.

I designer hanno per caso acquisito il dono della lungimiranza atmosferica? Con la strana umida estate che abbiamo appena salutato, la natura ci ha regalato una seconda primavera, proprio all'inizio dell'autunno. Sembrano gli stessi fiori, morbidi e belli, ma si sentono fuori posto. Come le donne che non si conformano alle aspettative, la loro seduzione è tipicamente inebriante e il loro, strano, fascino: irresistibile.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Tendenze