La tuta di cui parlano tutti non ha niente di speciale, eppure...

C'è ancora una volta lo zampino (touch) di un brand di moda indie nel capo più virale/banale di una stagione che dura per sempre?

image
Courtesy Theentireworld.com

Non storciamo più il naso di fronte a uno scontrino da 700 euro (e oltre) per un paio di sneakers couture. O per un ecopelliccia che ha più zeri sul cartellino del montone che ha comprato nostra madre negli anni Novanta. Ci sentiamo autorizzati a incurvare il ciglio della bocca quando, davanti alla vetrina digitale della boutique di un indie brand, scorgiamo una tuta in cotone da 160 euro. 88 per il girocollo, 88 per il pantalone, per essere precisi. Una tuta per stare in casa, secondo i pensieri vintage, per partecipare all’opening di quel place to be che proprio proprio non ci si può perdere, per le suggestioni avantgarde, è quella lanciata da Entireworld, fashion label devota al back to basics della moda. Linee minimal-iste, palette colori praticamente infinite, prezzi “ragionevolmente accessibili”, per dirla come Scott Sternberg, ex creative director di Band of Outsiders e fondatore di Entireworld.

theentireworld.com

Considerato il Willy Wonka della moda indie, probabilmente per aver creato un universo athleisure parallelo popolato di soli “capi in cui vivere H24”, ipse dixit, Sternberg è stato in grado di aprire risvegliare, polsino lattementa dopo elastico in vita azzurro polvere, quel vaso di Pandora in cui oltre alle immagini di tute sportive, tute per stare in casa e tutte pensate come “eleganti” ci sono le domeniche pomeriggio à la Bridget Jones, i lunedì sera in hangover, le notti prima di un esame universitario… Indossati da modelli che di modelli hanno solo l’obiettivo di voler rappresentare quanti più uomini e donne “normali” al mondo, le istantanee lanciate per presentare la collezione di tute Entireworld sono lo specchio su piccoli schermi capacitivi della nostra quotidianità. Nessuna scenografia surrealista, nessun rimando ai videoclip del rap americano anni Novanta, nessuna pretesa luxury, solo un corpo normale (herpes sul labbro e visi completamente struccati compresi) che indossa una tuta normale e, per questo, un’aspirazione di investimento fatale.

theentireworld.com
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Tendenze

Pubblicità - Continua a leggere di seguito




Zalando, Zalando natale, Zalando donna Natale 2019: festeggiando le feste con Zalando