Teneteli d'occhio, s'il vous plait! I nuovi brand indie che sfilano alla Parigi Fashion Week

Colpi di scena, rivoluzioni, capolavori (che si confermano): tra loro anche nuovi nomi - futuri stilisti dei miracoli?

Street Style: September 23 - Milan Fashion Week Spring/Summer 2019
Claudio LaveniaGetty Images

Bonjour Paris! Milano è stata dolce, cauta, meravigliosa, con pochi effetti sorpresa ma con molto equilibrio (che tanto desideravamo). E dalla Paris Fashion Week primavera estate 2019 cosa c’è da aspettarsi? Ok, lo sappiamo, dobbiamo ammetterlo. Una lunga lista di nomi da far sgranare gli occhi, un’attesa palpitante per i nuovi debutti, un filo di tristezza per i grandi assenti, ma soprattutto curiosità per i (più o meno) emergenti brand. Riflettori puntati sui giovani(ssimi) designer che daranno nuova linfa ai consolidati nomi-clamore. Dalla Corea e dal Belgio, dagli Stati Uniti alla Gran Bretagna, designer e collettivi approdano alla Paris Fashion Week Primavera Estate 2019 sicuri di loro stessi, certi delle loro intenzioni ed estremamente focalizzati sul loro futuro. Arriveranno anche loro nell’Olimpo dei grandi e noi siamo pronti a scommetterci. E via. Sportswear ridisegnato con classe ed eleganza, con tagli inaspettati e mix outfit da far brillare gli occhi, street-couture luxury che cavalca le passerelle con fierezza e schiena dritta. Da un lato. Dall’altro eleganza asiatica rivisitata in chiave occidentale, linee sartoriali maschili che vogliono imporsi nel guardaroba femminile. E ci sarà molto altro. Parigi si prepara a stupirci e lo fa in grande, perché sì, Parigi sa come farlo. Senza troppo clamore e senza fuochi d’artificio. Eppure.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
1 Marques Almeida
Brand Courtesy

Il duo portoghese London based porterá in passerella lo streetwear couture. E non vediamo l’ora di vederlo.

2 Afterhomework
Brand Courtesy

Attenzione: questo brand è disegnato da due giovanissimi designer che non superano i vent’anni. Il brand perfetto per i millennials che guardano al luxury.

3 Marine Serre
Brand Courtesy

Lei, Marine, ha una lunga carriera alle spalle, con grandi nomi come Balenciaga, Margiela, Raf Simons, per dire. Noi, amanti del bello, stiamo qui ad attendere il suo show. Lei, sarà la nuova regina dei catwalk parigini all’insegna della pura eleganza, noi non vediamo l’ora di incoronarla.

4 Atlein
Brand Courtesy

Non è nato ieri, va detto. Ma Antonin Tron ha creato la sua piccola e personalissima rivoluzione couture e quindi sì, va osservato, va metabolizzato e amato. Il suo sportswear-chic sarà il passepartout della prossima Primavera Estate 2019.

5 Ximonlee
Brand courtesy

Di origini coreane, il designer ha vinto l’H&M Designer Award. Linee pulite, minimal, come n tocchi vibranti. È certamente un nuovo punto di vista sul menswear che indossano (anche) le donne.

6 Christian Wijnants
Brand courtesy

Dalla scuola di Anversa. Servono altre presentazioni? Linee pulite, richiami vintage, austerità morbida nord europea. Ecco, le sorry revolution che generano trend evergreen nascono proprio così.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Tendenze