Collier, chocker, girocolli, le collane a catena in oro eterne

In versione vintage o indie, i brand emergenti e le maison di alta gioielleria reinterpretano l'accessorio degli accessori.

Nel suo celebre libro Un’eredità di avorio e d’ambra l’artista Edmund de Waal scrive: “Solo perché possiedi qualcosa, non sei obbligato a tramandarla.” Evidentemente a lui non importa granché di far parte dell’albero genealogico della famiglia Ephrussi de Rothschild e tantomeno di ereditare ben 264 netsuke, ovvero delle preziose sculture in avorio giapponesi, protagoniste del racconto. Ma trasmettere, quindi tramandare, sono gesti inevitabili nella nostra società. Dalle favole alle tradizioni, passando per i rituali fino agli oggetti, tra cui i gioielli. E in particolare le collane, le più versatili. Possedere un monile passato da nonna a madre e poi da quest’ultima nelle mani (o al collo) della figlia dà un valore inestimabile alla creazione. Lasciare ai posteri qualcosa che si è “vissuto”, equivale a ricordarsi ogni volta della persona che lo ha prima indossato e poi regalato. Oppure chiesto di essere battuto all’asta. Come ultimo desiderio prima di morire nel 2011 l’attrice Elizabeth Taylor, priva di eredi, chiede infatti che i suoi preziosi vengano venduti a suon di rialzi. “Non ho mai pensato ai miei gioielli come trofei. Sono qui per prendermi cura di loro e amarli. Quando morirò andranno all’asta nella speranza che chi li comprerà doni loro una buona casa.” Insomma, per Liz, anelli, orecchini, bracciali e girocolli rappresentano dei figli. Chissà chi si è aggiudicato la famosa collana La Peregrina, con perla da 50,6 carati su collier di rubini, perle e diamanti, regalatole da Richard Burton, battuto per 11,8 milioni di dollari durante l’asta. La collana della Taylor è costituita da una base a catena. Ed è proprio questo archetipo che ricorre nei nostri cassetti, porta gioielli e boîtes d’objets. Ed è qui che la gioielleria vintage trova un significato profondo. La moda gioielli indie, invece, reinterpreta la tradizione, la innova e la fonde con la contemporaneità, senza mai violare le tre regole fondamentali della bellezza, anche quando si parla di collane a catena: forma, contenuto e stile.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
1 Le collane oro da tramandare
Carven
93,14 US$

In bronzo placcato oro, questa catena vintage della maison francese fondata nel 1945 da Carmen de Tommaso è l'emblema dei collier che si tramandano da madre a figlia. Le linee del metallo sono intarsiate e compongono una fantasia d'altri tempi. Rimandano ai corredi che le popolazioni antiche danno in offerta alle divinità. Su tutte Afrodite, dea dell'amore e della bellezza. Da indossare solo con l'abbronzatura addosso. 

2 Le collane oro da tramandare
Courtesy Photo

Jennifer Behr inaugura il suo atelier a Brooklyn nel 2005. Dopo un percorso di studi in architettura e storia vira la propria attenzione al mondo degli head pieces e del gioiello, ovviamente di lusso. La collana Brenna a catena è composta da anelli torchon che ricordano corde attorcigliate. La chiusura a moschettone regolabile consente di portarla più o meno alta sul décolleté (375 euro su mytheresa.com).

3 Le collane oro da tramandare
Courtesy/Mytheresa

La collana double della designer fa parte della collezione C’est les Vacances. Le perle d'acqua dolce si sposano armonicamente alla catena bagnata in oro giallo 18 kt, mentre la chiusura è a moschettone. Come tutte le creazioni di Anissa Kermiche, anche questa è realizzata con tecnologia 3D. Il futuro abbraccia il passato, come la sabbia fa con il mare. L'oro con la perla (260 euro su mytheresa.com).

4 Le collane oro da tramandare
Courtesy/Bjorg

Per colli delicati, perfetta per il mix and match con altre catene più spesse, magari adornate da ciondoli, la collana in argento placcato oro del brand norvegese nato nel 2004 dalla passione per i gioielli minimalisti e chic di Bjørg Nordli-Mathisen, si ispira alle forme sottili degli aghi. Non a caso è chiamata la Needle Chain. Il plus? La lunghezza è personalizzabile. Di notte diventa un choker sensuale se portato con un vestito in noir con scollatura sulla schiena. Di giorno si accompagna a una camicia in popeline bianca e un denim (270 euro, info su bjorgjewellery.com).

5 Le collane oro da tramandare
Courtesy Photo

Il brand inglese Rejina Pyo ha un solo obiettivo: impreziosire con abiti e accessori la vita di tutti giorni e il cosiddetto daily look. La collana Laila in ottone bagnato nell'oro rappresenta sotto forma di monile la filosofia della maison. Enfatizziamo blazer e camice con un goccia doro (rimovibile per le più sobrie) sul petto (345 euro su mytheresa.com).

6 Le collane oro da tramandare
Courtesy/Alighieri

La creatrice del brand Rosh Mahtani racconta così il The Selva Oscura Choker di Alighieri Jewels in bronzo placcato oro realizzato a mano nell'atelier di Londra: "Mi sono posta la domanda: dov'è casa? E sono quindi tornata in Zambia, lo sfondo vivido della mia infanzia, per realizzare gli scatti della nuova collezione. Volevo mettere queste immagini accanto ai ritratti di mia madre di 62 anni, come celebrazione delle sue radici, e sottolineare il modo meraviglioso in cui la comunità Alighieri è un'antologia di esseri umani, di molte epoche e luoghi. Stiamo tutti raccogliendo frammenti dai luoghi in cui siamo stati e provando a metterli insieme per creare un senso di identità." E di eredità. (850 sterline, info su alighieri.co.uk).

7 Le collane oro da tramandare
Courtesy Photo

In pieno accordo con l'eredita stilista di Oscar de la Renta, fatta di opulenza e colori, la catena made in USA della maison americana si distingue per degli anelli intrecciati che compongono un disegno astratto e al contempo attuale. Abbiamola con un vestito o una camicia a righe (445 euro su mytheresa.com).

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Giochi Preziosi