15 anni, 30 cm, 7 mariti, molti drink: tutti i numeri della scandalosa vita di Lana Turner, la maliziosa ragazza col maglione

Nessuna star di Hollywood vanta una biografia torbida come la sua e poi arriva alla vecchiaia. Ma lei ci riuscì ed è ancora la regina incontrastata del gossip.

Lana Turner
Getty

Lana Turner ha avuto un destino curioso. Immaginate di uscire con gli amici, di ordinare una Coca Cola perché avete solo 15 anni, e di sentirvi dire da uno sconosciuto la classica frase “ti piacerebbe fare del cinema?”. Questo è quello che successe a lei quando posò il bicchiere sul suo tavolino del Top Hat Cafè di Los Angeles e si scambiò i recapiti con William R. Wilkerson un giornalista dell’Hollywood Report. Wilkerson non stava scherzando. La presentò a uno dei Fratelli Marx, Zeppo, che aveva la propria agenzia di casting. Questo, dopo averle procurato una mini particina non accredita nella prima versione di È nata una stella(1937) la segnalò ai vertici della Mgm e al regista Mervyn LeRoy. LeRoy la chiamò per un provino e le assegnò un piccolo ruolo nel film Vendetta. Inizia così la storia di Lana Turner attrice più scandalosa di Hollywood, una delle più intriganti presenze femminili degli anni '40 sul grande schermo. La sua bellezza non convenzionale, la sua personalità, i ruoli che interpretò, i suoi sette matrimoni e le vicende torbide di cui fu protagonista hanno fatto di lei un personaggio difficile da ignorare, tanto che fu coniato il termine “Lanallure”, per spiegare il tipo di fascino che emanava.

Getty

Lana Turner, biografia. Il suo vero nome era Julia Jean Mildred Frances Turner. Era nata l'8 febbraio 1921 a Wallace, nell’Idaho, anche se alcune fonti sostengono che una volta diventata famosa falsificasse l’anno di nascita per abbassare la vera età. Quando il padre Virgil, un minatore dedito al gioco d’azzardo rimane ucciso durante una partita a carte con ceffi della malavita, Lana si trasferisce con la madre prima a San Francisco e poi a Los Angeles, forse per sfuggire a qualche gatta da pelare lasciate in sospeso dal genitore assassinato. Come studentessa non eccelleva un granché. Infatti, quella volta in cui il giornalista l'ha avvicinata stava marinando la scuola con alcuni compagni. Tanto, invece di finire al college il destino aveva già deciso che sarebbe diventata “la ragazza nel maglione”, il primo soprannome da giovanissima attrice dovuto al pullover attillato che indossava in quel breve ruolo.

Getty

Lana Turner, filmografia. Le sue foto di scena del primo film fanno di lei una delle pin up più popolari, anche negli anni seguenti. L’altezza di Lana Turner era 160 cm ma sfoggiava curve molto graziose e il Time dirà di lei che ha lo sguardo di “una che ti fissa come se ti aspettasse con la testa già sul cuscino”. I suoi poster saranno tra i preferiti dai soldati americani della Seconda Guerra mondiale in trasferta. Ma prima della guerra, Lana interpreta una sfilza di ruoli secondari che accrescono la sua fama di precoce sex symbol. Sul set di un film le rasano le sopracciglia e gliele ridisegnano con una matita. Non le ricresceranno più e da allora sarà costretta a tracciarle ogni mattina. Tra tutti i film di quel periodo sono da segnalare L’ultima beffa di Don Giovanni (1937) di James Whale e L’amore trova Andy Hardy (1938).

Getty

Nel 1940 celebra il suo primo matrimonio: il "fortunato" è il musicista Artie Shaw, che incontrò sul set di Dancing Co-Ed(1939). Falso allarme, sette mesi dopo già si separano. Gira Il dr. Jekyll e Mr. Hyde (1940) di Victor Fleming. Si ritrova sul set con attori del calibro di Clark Gable in Se mi vuoi sposami (1941), con Robert Taylor in Sorvegliato speciale e con John Garfield nel film che la rese immortale: Lana Turner ne Il postino suona sempre due volte diventa una sensualissima ossessione per gli uomini di mezzo mondo. Altro film memorabile: I tre moschettieri dove Lana Turner lavora con Gene Kelly.

Getty

Nel 1942 si sposa con l'attore Steve Crane, da cui divorziò un anno più tardi per risposarsi di nuovo con lui appena un anno dopo. Liz Taylor, al suo confronto, era una dilettante sentimentale. Dopo il secondo divorzio da Crane, con il quale ha avuto una figlia, Cheryl, nel 1944 si sposa con il milionario Bob Topping. Intanto furoreggia sul grande schermo con Il bruto e la bella (1952) di Vincente Minnelli, I peccatori di Payton (1957) di Mark Robson e Lo specchio della vita (1959) di Douglas Sirk. L’ex ragazzina ribelle non è solo bella: per l’interpretazione magistrale ne I peccatori di Payton Lana Turner e l’Oscar si sfiorano. Rischia davvero di prenderlo per un soffio. Ma non lo vincerà mai.

Getty

Lana Turner, figlia assassina? La sua vita privata è a dir poco turbolenta, o “amorale”, come la definisce la stampa. Per non essere da meno dei suoi colleghi di Hollywood, inizia a bere parecchio e frequenta tutti i locali alla moda di Los Angeles, come il Cocoanut Grove e il Trocadero. Consuma un’avventura amorosa dopo l’altra e diventa la protagonista delle riviste di gossip, al tempo non proprio clementi. Le vengono attribuiti flirt non confermati con praticamente tutto lo showbiz, da Spencer Tracy a Mickey Rooney, da Frank Sinatra a Tyron Power e persino un’avventura saffica con Ava Gardner. Nel 1953 si sposa con l’affascinante collega Lex Barker, ma nell’ambiente comincia a girare la voce che l’attore stia abusando della piccola Cheryl, che ha solo 10 anni, e i due divorziano nel 1957 (avete già perso il conto dei mariti? Era il quarto). A questo punto, di male in peggio, fa il suo ingresso nella vita di Lana Turner un personaggio destinato a ficcarla in guai così grossi che nemmeno uno scrittore di gialli potrebbe concepire. Si chiama Johnny Stompanato, un tirapiedi italoamericano del famigerato gangster Mickey Cohen.

Lana Turner con Johnny Stompanato.
Getty

Stompanato vive una discreta popolarità fra le star di Hollywood. Pare che possa vantare qualità "anatomiche" superiori a quelle che oggi hanno reso famoso Rocco Siffredi. Si parla di 25, addirittura 30 cm. E pare che le spregiudicate attrici più famose facciano a gara per averlo nel loro letto. Solo Lana ha la sfacciataggine di portarselo addirittura in casa e avere una relazione con lui. Stompanato è un pessimo soggetto con manie di grandezza. Indossa solo scarpe di coccodrillo e cinture con la fibbia d’argento. Pretende che Lana lo imponga nel mondo del cinema come produttore esecutivo, e quando non ci riesce tenta di strangolarla. Lei vuole lasciarlo, ma lui la convince sempre a restare insieme, facendo leva sulla sua indole vagamente masochista, anche nell’intimità. Quando lei sta girando un film in Inghilterra, Estasi d’amore, lui sale su un aereo con una pistola e si presenta sul set per puntarla contro il co-protagonista Sean Connery, di cui è follemente geloso. Ma il ruvido attore scozzese lo disarma e gli somministra una buona dose di pugni fra gli applausi dei presenti. La squallida biografia di Johnny Stompanato si conclude con una morte violenta. Il 4 aprile del 1958 Lana Turner chiama la polizia per segnalare l’omicidio per legittima difesa del suo compagno. A pugnalarlo è stata la figlia, Cheryl Crane, entrambe dichiarano che la ragazza lo ha fatto per difendere la madre da un violento attacco dell’uomo. Sarà assolta, anche se la voce che gira insistente è che la ragazzina, al tempo 15enne (come l'età che aveva Lana al debutto, destino bizzarro) si sia attribuita l'omicidio per salvare la madre da una pena più grave. Il gangster Cohen pagherà le spese processuali per conto della famiglia di Stompanato che ha fatto causa per danni all’attrice, chiedendole 7 milioni di dollari. Invano.

Getty

Finita l’era Stompanato, Lana Turner riprende a praticare il suo hobby preferito: le nozze. Gli anni '60 cominciarono con un altro coniuge, Fred May, da cui divorziò due anni dopo. La sua carriera cinematografica dopo lo scandalo dell’omicidio, che ha messo in piazza troppo di lei nauseando il pubblico, volge però verso il declino. I suoi film non registrano più i successi al botteghino di un tempo. Gli ingaggi di Lana Turner cominciano a diradarsi e negli anni 80 decide di lasciare il set per sempre. Quello che non smise di fare, invece, è cercare l’uomo della sua vita. Il sesto marito è Robert Eaton (1965-1969) e il settimo e ultimo Ronald Dante (1969-1972). È morta single, il 29 giugno 1995 in California, stroncata da un cancro a 75 anni. Che ha messo la parola fine sulla torbida vita della ragazza col maglione, più incredibile dei suoi stessi film.

Lana Turner in una delle ultime foto, insieme a Andy Warhol.
Getty
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Gossip