L'amicizia tra Paris Hilton e Paris Jackson val bene una messa (in piega)

Ereditiere, prezzemoline, scomode e giudicatissime: e se la loro relazione fosse solo una grande operazione di solidarietà?

image
Getty Images

La prima è stata diseredata di un patrimonio pesante quanto un Twitter trumpiano, la seconda è stata chiamata a riscuotere un lascito di beni e di gossip lungo quanto un walking fino alla moon e ritorno. La prima ha tempestato i suoi cellulari (nei primi Duemila non avevano ancora coniato il termine smartphone) di Swarovski dalle 50 sfumature di rosa, la seconda ha tempestato il suo corpo di gioielli per la vita, tatuaggi che sono un racconto dei suoi primi 20 anni. Paris Hilton e Paris Jackson amiche per la pelle. Ricoperta di creme glitterate quella della Hilton, schiarita con Photoshop dai paparazzi americani quella della Jackson. Paris Hilton e Paris Jackson amiche, ereditiere, giuste e sbagliate sempre, fuori luogo mai e ovunque.

Scopriamo della (im)probabilissima amicizia tra Paris Hilton e Paris Jackson su Instagram. Proprio il luogo dove la figlia di Michael Jackson si difende, un giorno sì e l’altro pure, dagli attacchi sotto forma di commenti di chi le dà dell’arrivista, bugiarda, razzista verso la sua stessa famiglia. Proprio il luogo dove la figlia del (fu) patron della catena di alberghi (fu) più famosa al mondo posta la sua simple life, ovattata e opacizzata da filtri rosa fenicottero. #SexySisters, la loro relazione è stata suggellata da un hashtag con cui corredare autoscatti opsss selfie da red carpet, da party di compleanno, da andirivieni tra le vie dello shopping americano. Tutto ovviamente mano nella mano, tutto inevitabilmente in diretta Facebook, tutto incredibilmente reale nonostante i 10 anni di differenza sul passaporto, le ere mediatiche sfalsate, le generazioni attraversate.

Paladina del Barbie mood la prima, paladina del movimento genderless l’altra, Paris Hilton e Paris Jackson ignorano (volutamente) le dicerie sul loro conto, i luoghi comuni che rappresentano e quelli che vorrebbero rappresentare. Trash, geniali, forse normali. Perché, dar loro delle sempliciotte, è tanto semplice quanto sbagliato. Come dire che Paris Hilton copia lo stile di Paris Jackson per accaparrarsi l’ultima fetta di pubblico (social) che le manca, quella dei millennials, quella che nasceva quando lei era impegnata in scorribande epocali insieme a Nicole Richie su Mtv. Come dire che Paris Jackson si lascia influenzare da Paris Hilton e la sua vita immaginaria. E inimmaginabile. E, quindi, ingiudicabile. Adesso, che attendiamo le foto del matrimonio di Paris Hilton, speriamo che Paris Jackson le faccia da testimone solo perché, come “cosa prestata”, le offrirà un guantino di papà.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Gossip