Perché un filmato inedito di Marilyn Monroe nuda fa ancora scandalo?

A 56 anni dalla sua morte è saltata fuori una sequenza tagliata perché considerata troppo hard core, ma ora il dilemma è: riaggiungerla al film oppure no?

Marilyn Monroe Portrait Session
Earl Theisen Collection

Bianca come la panna, dolce come un peccato commesso con tutti i crismi. Marilyn Monroe è morta il 5 agosto del 1962, aveva 36 anni, era ancora bellissima, molto ingenua, e proprio per questo non viene dimenticata. E proprio per questo ancora spuntano immagini e filmati inediti, scartati quando era ancora viva o che lei stessa aveva bocciato. Le più famose sono quelle foto della serie col foulard arancione che aveva sbarrato con il pennarello rosso, che i posteri hanno sviluppato e diffuso lo stesso andando contro il suo volere postumo. Forse saranno nulla, al confronto con la reliquia che è tornata alla luce ora: una sequenza di The Misfits, uscito in Italia col titolo Gli spostati. Quarantacinque lunghi secondi in cui Marilyn Monroe è nuda in una scena con il suo coprotagonista Clark Gable. Che per aggiungere dettagli torbidi, lei credeva fosse suo padre perché nell'unica foto che aveva del padre, i due si somigliavano molto.

Marilyn Monroe sul set de Gli spostati.
Ernst HaasGetty Images

La sequenza era stata tagliata e distrutta, si diceva. Ma non è così. Un produttore del film, Frank Taylor, l’ha sempre conservata in cassaforte. È saltata fuori adesso, forse perché colui che la custodiva e la teneva segreta non c’è più. A trovarlo è stato Charles Casillo, un giornalista e scrittore che sta facendo ricerche per il suo nuovo libro che è dedicato proprio alla vita privata di Marilyn Monroe. Secondo il figlio del produttore Taylor, lo spezzone di pellicola era stato tagliato e gettato a terra in sala di montaggio, una cosa che oggi con il digitale, non potrebbe accadere più.

Ernst HaasGetty Images

Nella sequenza, Marilyn Monroe lascia cadere un lenzuolo che avvolge il suo fisico, dando vita a quella che doveva essere la prima scena di nudo in un film destinato alla grande diffusione. Il regista, John Houston, cambiò però idea e decise di cassarla, ritenendo che non avrebbe aggiunto nulla alla storia, ma forse solo per limitare la mannaia della censura che già si abbatteva su quasi tutti i film con Marilyn, a causa dei dialoghi considerati scabrosi (sì, erano considerati scabrosi!).

Ernst HaasGetty Images

Il produttore Taylor non era però d’accordo con la decisione di Houston e recuperò lo spezzone di nascosto, custodendolo e forse pensando che un giorno avrebbe potuto essere aggiunto di nuovo. In effetti, oggi che siamo abituati ai nudi integrali al cinema, e persino nelle serie tv dove le scene soft core fioccano (da Sex and The City a True Blood a Il Trono di spade, da Master of Sex a Sense8) una Marilyn Monroe che si lascia scivolare un lenzuolo di dosso farebbe davvero tenerezza. Sarebbe bello se venisse riaggiunto, per onestà intellettuale. Ma soprattutto, in omaggio al suo dolce e malizioso esibizionismo.

Ernst HaasGetty Images
This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Gossip