L’ennesima rivelazione di Lena Dunham su Instagram è un verdetto doloroso

"Questo è un post sul dolore cronico". L' uso dei social dell'autrice di Girls è ancora una volta lezione e comunicazione al mondo.

image
Getty Images

“Questo è un post sul dolore cronico”. Comincia così l’ultimo messaggio di Lena Dunham su Instagram, con una dichiarazione d’intenti. Che conoscendo l’attrice e regista di Girls non suona tanto diverso dalla sua solita sincerità. Ma il dolore cronico di Lena Dunham malattia nuova, che non vuole nascondere, non più. La fibromialgia di cui soffre Lady Gaga, tra le prime star a rivelare i dolori fortissimi che l'hanno costretta, a volte, a cancellare le date dei tour. La fibromialgia di Lady Gaga citata da Lena Dunham nel suo post. “Ne soffro, scommetto che ne soffrono anche molti di voi” ha scritto la Dunham, aprendo ancora una volta una nuova visione sul versante meno glamour della sua vita.

View this post on Instagram

This is a post about chronic pain. I have it. I bet a lot of you do too. Some of us talk about it. Others are afraid to, as it could cost them their jobs or their relationships or their sense of control in a chaotic world. In this way it’s very analogous to sexual trauma. There is also (as @ladygaga so wisely shared this week) a proven connection between chronic pain and trauma. Therefore, a lot of people- a lot of women- find their pain is activated by weeks like this one. On the day after Dr. Ford’s testimony I awoke with a start at 3am. It felt like every cell in my neck was singing. My ankles and wrists were weak and my fingers didn’t do their assigned job. Yesterday I felt like I was suspended in gel, and when I meditated a line of pain zipped from my neck to my foot. I’m sorry if I don’t answer your text or email, or if I can’t show up the way someone else would. I am just trying to do everything required to maintain a life of joy and service. My work costs me everything I have. This is fibromyalgia. It’s little understood and so even though I have a lot of knowledge and support it’s hard to shake the feeling that I am crazy. But I’m not (at least not in this particular way!) and you’re not. Your pain, whatever shape it takes, is yours and so it is real. I believe you when you say you hurt. I have learned time and time again how important it is to believe.

A post shared by Lena Dunham (@lenadunham) on

E Lena Dunham dopo l’endometriosi parla ancora del suo stato di salute complesso, difficile, che la rende ancora più comune di quanto non ci abbia mostrato già. La vita privata di Lena Dunham torna ad essere pubblica per il beneficio di molti. In questo senso, Lena Dunham ha una missione. “Alcuni non ne parlano perché potrebbe costargli il lavoro o le relazioni, o anche il loro senso di controllo nel mondo del caos. È simile al trauma sessuale” ha scritto la Dunham su Instagram.

Come Lady Gaga nei giorni scorsi, anche Lena Dunham su Instagram ha parlato del legame tra la fibromialgia e i traumi che possono scatenare le fasi acute in certe situazioni. Nel suo caso, i recenti eventi che hanno travolto la politica americana con lo scandalo di Brett Kavanaugh e la testimonianza della dottoressa Christine Blasey-Ford che ha rivelato di essere stata molestata dal senatore repubblicano. “Dopo la testimonianza della dottoressa Ford mi sono svegliata alle 3 del mattino e pensavo che le cellule del mio collo stessero cantando. Avevo caviglie e polsi deboli, le dita non funzionavano” ha scritto la Dunham, Dopo un paio di giorni di dolori atroci, la sceneggiatrice protagonista di una campagna pubblicitaria scattata da Emily Ratajkowski ha potuto riprendere a lavorare.

“Sto cercando di fare di tutto per avere una vita di gioia e lavoro, che mi costa tutto quello che ho. Questa è la fibromialgia. Non è molto capita e quindi, anche se la conosco bene e ho parecchio sostegno, è difficile togliersi dalla testa l’idea di essere pazza. Ma non lo sono, e non lo siete neanche voi” ha proseguito Lena Dunham sulla malattia. E ha ripreso con un secondo post sul suo profilo, pieno di speranza e comprensione verso chi come lei soffre di dolore cronico con fasi molto acute, specialmente in alcuni momenti difficili come dopo la fine di un amore (Lena Dunham e Jack Antonoff, separatisi poco più di un anno fa). "Oggi celebro la parte più privata di me, quella che brilla sempre e non può essere spenta nemmeno quando il mondo si spacca in due o tre pezzi". Lena Dunham si fa ancora una volta portavoce di quello che fa male, malissimo. Che non uccide, e fortifica.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Gossip