Nel futuro regno di Carlo (non) c'è spazio per Harry e Meghan Markle?

Lo scandalo del fratello Andrea, il taglio dei membri della famiglia reale, lo snellimento delle apparizioni istituzionali: i SE e i MA del principe di Galles.

Le ultime royal family news sono una strategia di movimenti tutta nuova. Annunciato il ritiro progressivo della regina Elisabetta II, che mano mano abbandonerà gli impegni istituzionali a favore del figlio maggiore per oltrepassati limiti di età, il futuro re Carlo d’Inghilterra si prepara ad una nuova visione/missione/comunicazione della casata Windsor. Cosa farà il principe Carlo quando diventerà re è tutto da scrivere: un ruolo agognato e lungamente atteso, che finalmente a 70 anni riuscirà a ricoprire. Eppure qualche anticipazione sulle probabili mosse si può già intuire: gli ultimissimi scandali che hanno complicato i rapporti nella famiglia reale inglese sono già diventati una discriminante per le future apparizioni dell’intera, numerosa discendenza di Elisabetta II e del principe Filippo. E a quanto pare il principe Carlo ha in previsione di sfoltire le troppe presenze al balcone di Buckingham Palace, puntando su una versione più snella e più facilmente impattante (leggi: amabile) della royal family.

Il primo in assoluto ad essere estromesso dalle apparizioni reali, rivela il tabloid The Sun, sarà sicuramente il principe Andrea, fratello minore di Carlo, già sospeso a tempo indeterminato con buonuscita istituzionale elargita da mamma. Lo scandalo dell’amicizia tra il principe Andrew e Jeffrey Epstein, i benefit a scopo sessuale, i rapporti proseguiti nonostante le inchieste a carico dell’ex finanziere morto in carcere a Manhattan, hanno duramente colpito la famiglia reale, pure sopravvissuta a infiniti gossip e vari scandali nel corso degli ultimi regni. Se persino Elisabetta II si è stufata dei (molti) vizi e (poche) virtù del secondogenito, di sicuro non sarà il principe Carlo a lustrarne l’immagine: all’epoca dello scandalo era stato proprio lui il primo a non dare scusanti al fratello. Ed è assai probabile che proseguirà su questa linea dura di convinta esclusione dalle questioni di corte.

Altro ampio sfoltimento si avrà sul versante dei figli del principe Carlo, e il target riguarderà nello specifico la glam couple del casato dei Windsor, Meghan Markle e il principe Harry. Con la linea al trono già definita fino al principino George, primogenito di Kate Middleton e del principe William, è inevitabile che il ginger son venga lentamente messo da parte. Cosa che a quanto pare ad Harry non dispiacerà, data la sua ricerca di giusta privacy, specialmente dopo la sovraesposizione mediatica ossessiva degli ultimi due anni post fidanzamento e matrimonio con Meghan Markle. Una decisione ventilata già dalla nascita del primo figlio di Harry e Meghan Markle: Archie non ha titoli nobiliari, segno che l’appartenenza reale conta fino ad un certo punto per i duchi di Sussex. Negli anni a venire, è naturale che l’attenzione si concentri sempre di più sui tre figli di Kate e William, George, Charlotte e Louis, che sono a tutti gli effetti i diretti eredi al futuro trono della bisnonna Elisabetta. La slimming strategy del principe Carlo è un’operazione di furbissimo marketing. In primis, servirà a mostrare meno membri della famiglia reale e solo coloro che effettivamente si occupano di charity e patronage vari (Kate Middleton over Meghan Markle, ti vediamo). Dall’altro lato, servirà ad arginare i maligni che lamentano il mantenimento dei Windsor a carico dei sudditi inglesi: le spese dei jet privati di Harry e Meghan Markle hanno bruciato anni e anni di fragile credibilità. Il lascito di Elisabetta II è nelle mani del principe Carlo, che di certo cercherà di far entrare nella testa dei britannici l’immagine più limpida della famiglia reale.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Gossip