Storie diversissime di donne emigrate per seguire il (lavoro del) proprio marito

Da chi si è dedicata ai figli a chi si è sentita sola e abbandonata passando per chi ha deciso di dedicarsi viaggi speciali.

image
Photo by Xavier Mouton Photographie on Unsplash

Spesso isolate dal mondo e chiuse in se stesse, le donne emigrate si stanno emancipando dal loro ruolo di semplici "seguaci del marito" per meglio affermare la propria individualità. Molte di quelle che sono partite raccontano la loro scelta e il loro percorso per, alla fine, (ri)trovarsi.

Specchi antichi, un divano blu notte in velluto e un bellissimo filodendro: è in un ambiente elegante degno di una rivista di arredamento che Sandra ci riceve. "Finalmente mi sento a casa qui!", si rallegra. Tuttavia, questa donna nata nel Sud della Francia ne è ben lontano: qui sta per Santiago del Cile, ai piedi dell'imponente Cordigliera delle Ande, a circa 11.500 km da Parigi.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Come più di un milione e 700mila di francesi, Sandra ha provato l'"avventura" di vivere all'estero seguendo il proprio compagno dall'altra parte del globo. Un caso tutt'altro che isolato perché in 9 casi su 10, tra coppie eterosessuali che decidono di emigrare, è la donna che segue il marito, e non il contrario. Una schiacciante maggioranza di enormi sacrifici femminili che possono essere giustificati principalmente da ragioni economiche, come conferma Camille Rochet, psicologa e terapeuta. "La maggior parte delle volte è chi ha lo stipendio più alto che scatena questo cambiamento". Gli uomini continuano a guadagnare il 25% in più rispetto alle donne (fonte: INSEE/2018) e sono queste ultime che generalmente devono mettere in stand-by la propria vita professionale a beneficio del proprio caro e amato coniuge.

Una realtà che Nina Hobson, 36 anni, "emigrata seriale" inglese e autrice del blog The Expater, descrive senza vergogna. "La cosa più difficile dell'essere una donna emigrata è che devi essere realistica circa le considerazioni finanziarie. Quindi, se a mio marito viene offerto un lavoro meglio retribuito, ovviamente lo accetteremo. La nostra priorità è garantire un futuro ai nostri bambini", racconta questa madre mentre allatta il suo bambino di quattro mesi.

Photo by Priscilla Du Preez on Unsplash

Il danno collaterale di questo esilio, l'obbligo di lasciare il proprio lavoro, di prendersi una pausa o anche di rinunciare alla propria carriera, è il primo ostacolo da superare. Perché, come Nina, molte donne emigrate stanno lottando per trovare un lavoro che corrisponda alle loro capacità o alle loro richieste di stipendio. "Essendo specializzata in relazioni con la stampa all'interno delle istituzioni europee a Bruxelles, è un po' complicato trovare un nuovo lavoro se arrivo in un Paese radicalmente diverso, come l'Angola", spiega.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

E quando non è il mercato del lavoro, sono le norme amministrative del Paese di destinazione che possono impedire al titolare di un visto "dipendente" di lavorare legalmente, come nel caso di Sandra in Cile per esempio, ma anche negli Stati Uniti e in Giappone. Risultato? Maschio o femmina, il 33% dei coniugi emigrati ritiene di avere letteralmente sacrificato la propria carriera seguendo il proprio partner.

Il risultato è un forte senso di frustrazione che, sommata alla distanza geografica, alla differenze socioculturali o, più in generale, allo sconvolgimento dei propri rapporti personali, può portare rapidamente a pesanti tensioni coniugali e/o a una dolorosa chiusura in se stessi. "Lasciare il proprio lavoro significa abbandonarsi all'altro, al rapporto di coppia. Il rischio è che questa situazione venga vissuta come un sacrificio per chi perde il lavoro e come un debito per chi sceglie di lavorare all'estero. In questo modo è facile che nasca un disequilibrio", afferma la psicologa Camille Rochet.

Photo by Siarhei Plashchynski on Unsplash
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

"Tutti mi dicevano: "Bella l'Angola! Deve essere una grande esperienza andarci a vivere!". In realtà, per ragioni di sicurezza, difficilmente potevo uscire di casa e mi sentivo terribilmente sola", ricorda Nina. "Professionalmente, è stato semplice: ero diventata l'assistente personale di mio marito. Mi sono occupata dei documenti, di tradurli, dei visti per i bambini. È un lavoro a tempo pieno", dice. "È molto difficile muovere i primi passi all'inizio, soprattutto se non lavori, conosci poco il luogo, non hai amici sul posto... Mi sono lentamente chiusa in me stessa, nel mio nido familiare", ammette Sandra.

Tuttavia, nonostante le difficoltà incontrate, tutte le donne intervistate per questo articolo confermano che: l'espatrio è stato deciso insieme al compagno a volte con esiti negativi. "Quando nacque il nostro secondo figlio, mio ​​marito ricevette un'offerta di lavoro a Lagos, in Nigeria. Avevamo già vissuto in Angola, in Siria, in Libano, ma questa volta, con un bambino che ai tempi soffriva di forti allergie, non me la sentivo davvero di andare a vivere lì. Non volendo vivere senza la sua famiglia, mio marito preferì rifiutare", ricorda Nina. Al di là delle statistiche e delle considerazioni economiche, l'esperienza coniugale del XXI secolo è in realtà un cambiamento di vita che viene scelto congiuntamente, e non più unilateralmente, come potrebbe essere per le donne delle generazioni precedenti.

In generale l'espatrio, solitamente temporaneo (dai due ai cinque anni per una missione), offre al coniuge come a tutta la famiglia un'opportunità unica di migliorare la qualità della propria vita. Se questa esperienza ha un impatto di 8 su 10 sulla vita coniugale, il 95% delle coppie ritiene che l'espatrio arricchisca la vita dei propri figli (fonte: Expat Communication/2017). "Sono in contatto con altre culture, altre lingue, hanno esperienze di vita uniche", afferma con entusiasmo Nina. Un sentimento condiviso da Sandra che, dopo anni di ricerche infruttuose in Francia, ha trovato a Santiago una struttura adatta alle esigenze della figlia minore, autistica. "Quello che mi ha fatto decidere di lanciarmi in quest'avventura è stato il benessere di mia figlia. Poteva finalmente andare a scuola, vedere gli altri bambini della sua età, essere inclusa", dice.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Photo by Brooke Cagle on Unsplash

"Trovare un nuovo progetto che possa finalmente dare un senso all'espatrio" è il consiglio di Camille Rochet alle donne che soffrono a causa di questa situazione. "Essere solo la moglie di... che l'ha seguito per... può essere molto degradante per l'immagine di sé. Alcune donne sanno crearsi il proprio universo e sanno cosa fare per sentirsi bene". Sradicate, sole per gran parte della giornata, le donne emigrate qui intervistate concordano che l'espatrio le ha spinte fuori dalla loro comfort zone, si sono aperte più o meno rapidamente alle novità e hanno osato prendere iniziative che non avrebbero mai immaginato di potere prendere nella loro "precedente vita". È così che Emma, ​​29 anni, ha deciso di approfittare di questo cambiamento per viaggiare in America Latina, con o senza il suo sposo in Argentina.

"Ogni sera mio ​​marito mi raccontava tutto quello che aveva fatto durante la giornata, le persone che aveva incontrato... Io, essendo una consulente freelance, nel migliore dei casi avevo avuto due chiamate su Skype", racconta. "Desiderosa di viaggiare, ho iniziato a organizzarmi qualche escursione, fino a quando sono stata via un mese da sola, con la mia tenda e il mio zaino, alla scoperta della Patagonia. Mi ha fatto sentire bene, ne avevo davvero bisogno". Altri come Caroline, 42 anni, emigrata in Messico dopo il trasferimento del marito, ha approfittato di questa parentesi nella sua vita professionale per vivere pienamente la sua maternità e godere a tempo pieno dei primi anni del suo primo figlio. "Ho davvero sperimentato questo espatrio come una benedizione", confessa.

Dal punto di vista professionale, alcune donne emigrate riescono a trasformare il proprio espatrio in un trampolino di lancio utile e appagante. "Sono sempre stata appassionata di arredo, ma non essendomi formata in modo specifico, non mi sono mai sentita abbastanza legittimata per fare di questa mia passione una professione in Francia", dice Sandra. "Qui mi sono resa conto che avevo una vera e propria carta da giocare, che il mio occhio e il mio gusto erano apprezzati e che avevo un'abilità da valorizzare. Ho iniziato a farmi conoscere su Instagram e oggi (anche) molti francesi mi chiamano per abbellire i loro interni", si rallegra, prima di concludere: "Alla fine, emigrare mi ha permesso di acquisire fiducia in me stessa". Perché seguire il proprio partner a volte ci permette (anche) di diventare noi stessi.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito