Gli atleti italiani che illumineranno le Paralimpiadi di Tokyo 2020

La delegazione italiana più numerosa di sempre per i Giochi Paralimpici in programma dal 24 agosto al 5 settembre in Giappone.

Una squadra da record a partire da tre cifre: 113. Il numero degli atleti italiani alle Paralimpiadi di Tokyo 2020 è il più alto di sempre, il più ricco, il più emozionante per chi non vede l'ora di rituffarsi in altri 15 giorni di magia olimpica. Sono gioiose percentuali a scrivere la storia della delegazione italiana alla sedicesima edizione dei Giochi Paralimpici, che si svolgeranno dal 24 agosto al 5 settembre a Tokyo per la seconda volta nella loro storia, iniziata con Roma 1960, e nella quale debutteranno il badminton e il taekwondo. Avanti coi numeri: +14,4% di atleti convocati di cui più della metà sono donne, 61, a fronte di 51 uomini, tutti a caccia di podi in 16 discipline (sulle 22 complessive) per migliorare il piazzamento del medagliere di Rio 2016, quando l'Italia si classificò nona con 39 medaglie tra ori, argenti e bronzi. I portabandiera dell'Italia saranno la schermitrice Bebe Vio e il nuotatore Federico Morlacchi, che replicano felicemente il duetto tricolore di Jessica Rossi ed Elia Viviani per la cerimonia di apertura delle Olimpiadi, e sono entrambi desiderosi di piazzarsi sul gradino più alto nelle rispettive discipline paralimpiche. "Il nostro obiettivo è continuare a entusiasmare gli italiani con le storie e con le prestazioni sportive di questi fantastici atleti e confermare, con i risultati, il percorso di crescita del movimento paralimpico italiano divenuto ormai un punto di riferimento in Italia e nel mondo" ha dichiarato il presidente del Comitato Italiano Paralimpico Luca Pancalli a Rainews.

Una manciata di nomi tra i tanti partecipanti per cui tifare: sulla pista di atletica scenderanno atlete come la recordwoman del salto in lungo e dei 100 metri Martina Caironi, oro a Rio 2016, e Monica Contrafatto che nella stessa edizione conquistò il bronzo. Tornano a gareggiare i pesisti e discoboli Assunta Legnante e Oney Tapia, per il triathlon femminile a puntare ai piazzamenti c'è anche Veronica Yoko Plebani. In acqua l'Italia ha una nutrita compagine di nuotatori, la più numerosa in proporzione alle altre, e molti di loro proveranno a difendere e riconfermare (se non migliorare) i risultati di quattro anni e mezzo fa in Brasile: tra tutti, i plurimedagliati Federico Morlacchi, che dopo i tre bronzi di Londra 2012 e i tre argenti e un oro a Rio 2016 punta all'en plein nelle sue amatissime discipline tra stile libero, farfalla, rana e naturalmente i misti, e lo specialista del dorso Francesco Bettella. Non saranno da meno le nuotatrici che puntano a medaglie come Arjola Trimi, Giulia Ghiretti o Carlotta Gilli pronte a regalare grandi performance in vasca. Nel fioretto impossibile non tifare per Bebe Vio, che punta anche a migliorare la medaglia a squadre con Andrea Mogos e Loredana Trigilio. Anche il ciclismo cercherà di tenere alte le sue storiche prestazioni, affidandosi alle riconferme di Fabio Anobile, Luca Mazzone, Paolo Cecchetto e Francesca Porcellato tra crono e corsa in linea. Con un pensiero al grande assente di questa edizione, l'immenso Alex Zanardi.

This content is imported from {embed-name}. You may be able to find the same content in another format, or you may be able to find more information, at their web site.

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito