shampoo senza solfati
Shutterstock

Avete mai sentito parlare di lavare i capelli senza shampoo per seguire il trend No-poo arrivato dagli Stati Uniti? Spesso non si intende abbandonare lo shampoo, ma sceglierne uno senza solfati e quindi senza schiuma. Il movimento No(Sham)poo nasce come fuga dai prodotti tradizionali - che molto spesso contengono tensioattivi solfati - per abbracciare soluzioni naturali come bicarbonato, farina di ceci, aceto o olio di cocco. In alternativa c'è chi propone un metodo più semplice e pratico, il Co-washing, cioè il lavaggio con il balsamo al posto dello shampoo, indicato soprattutto per i capelli secchi e per quelli ricci (e che non a caso è nato nella comunità afroamericana).

No-poo o low-poo e Co-washing però hanno qualcosa in comune, cioè evitare i solfati: ma perché? Si tratta di composti chimici impiegati nelle emulsioni cosmetiche in virtù delle loro proprietà stabilizzanti, ma anche per il loro forte potere schiumogeno. Uno shampoo che fa tanta schiuma, però, oltre a dare una piacevole sensazione di pulizia, potrebbe causare eventuali frizioni sul capello, rendendolo più debole e incline a spezzarsi o diventare secco.
Da oggi esiste anche uno shampoo senza solfati che permette di seguire questi trend, senza dover ricorrere a trattamenti naturali e home-made. Si tratta del nuovo Low Shampoo di Elvive, una vera e propria crema lavante in due formulazioni (per capelli secchi e per capelli colorati), che lascia i capelli perfettamente puliti, districati e nutriti a fondo.

Texture innovativa = nuova beauty routine? Certo che sì, quindi: ecco come lavare i capelli con Low Shampoo, senza solfati e senza fare schiuma.

Courtesy photo

1. Prima innovazione: se generalmente siamo abituate a lavare i capelli con una piccola quantità di shampoo, qui l'applicazione deve essere molto più generosa. Si preme il beccuccio del flacone 10-15 volte, e si massaggia intensamente partendo dalle radici per poi andare sulle lunghezze e fino alle punte.

2. Prima di risciacquare i capelli, Low Shampoo deve essere lasciato in posa per tre minuti in modo che possa apportare nutrimento alla fibra capillare (e quindi fare anche le veci del balsamo, che infatti non va usato).

3. Ultimo step, risciacquare accuratamente i capelli e procedere con l'asciugatura, senza applicare altri prodotti, perché Low Shampoo è pensato per essere un gesto di bellezza completo, che lava, districa e nutre i capelli (e fa risparmiare minuti preziosi).

Courtesy photo
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Capelli