Cosa fare quando spuntano i primi capelli bianchi (under 35 anni)?

"Ho visto un semplice cambiamento di colore che non era specificamente correlato all'età."

image
VIncenzo GrilloImaxtree

Non ci si pone il problema finché non appaiono. Les Superbes di Marie Claire France ci parlano della scoperta, a 20 anni o a 40, dei loro primi capelli bianchi. "L'atto politico più provocatorio che una donna possa fare verso i propri capelli è lasciarli naturalmente bianchi", scrive Anne Kreamer. Nel suo libro

Going Gray: How to Embrace Your Authentic Self with Grace and Style, pubblicato nel 2007, questa giornalista e autrice americana desidera mostrare alle donne che, sì, possono avere i capelli bianchi o grigi, e andare avanti con la propria vita. Un approccio condiviso dieci anni più tardi da Sophie Fontanel, editorialista di moda, nel libro Une apparition.

Per sapere se le donne accettano i propri capelli bianchi lo abbiamo chiesto direttamente alle nostre Superbes - donne, molto diverse tra loro, che interpelliamo al bisogno per avere un parere vero e intimo in fatto di bellezza.

I capelli bianchi sono innegabilmente associati all'invecchiamento. Eppure di solito i primi cominciano a comparire intorno ai 38 anni, età che si abbassa alla ventina quando subentrano cause ereditarie. La casa di riposo è ancora lontana, quindi. In ogni caso, non reagiamo tutti allo stesso modo alla loro comparsa, spesso temuta. La colpa è da imputare alla nostra cultura che non accetta che le donne, e non solo loro, possano invecchiare.

"Mi ricordo molto bene la comparsa dei miei primi capelli bianchi. Fecero capolino sulla mia testa quando avevo 30 anni", dice Marion. "Un momento simbolico da superare. Non ero allarmata, ma dicevo tra me e me "Di già?". Ma alla fine non ne ero così infastidita". Gaby, 54 anni, li ha notati per la prima volta a 22 anni: "Stranamente ne fui felice... Mi avevano sempre detto che sembravo più giovane: pensavo che finalmente mi avrebbero dato un'aria più saggia". Oggi, i suoi lunghi capelli mossi, completamente bianchi, sono diventati una delle sue caratteristiche principali.

A 18 anni, Karine non può che solo immaginare questo avvenimento che ovviamente non ha ancora avuto luogo. Ma non è molto preoccupata "anche se invecchiare non è un pensiero che mi alletta", sottolinea. Un'accettazione probabilmente resa più facile grazie al recente trend anche social del #greyhair e del #silverhair.

Per Cécile, mamma 41enne di quattro figli, la loro accoglienza non è stata molto calorosa... "Avevo 35 anni. Mi hanno colto di sorpresa e devo ammettere che ho visto l'avvenimento come l'inizio della decadenza. Per me, era davvero un segno di vecchiaia. Alla fine sono aumentati, ma la cosa non mi ha più creato ansia".

"Non mi ricordo a che età ho cominciato ad averne", dice Eudoxie, 36 anni. Quando li ho visti per la prima volta, ho detto subito: "Toh, un capello bianco!". Tutto qui. Quando ero piccola i capelli bianchi erano sinonimo di vecchiaia, poi ho avuto molto amici che li hanno avuti anche tra i 17 e i 30 anni. Ho visto un semplice cambiamento di colore che non era specificamente correlato all'età. E se guardiamo ai secoli scorsi, scopriamo che i capelli bianchi erano molto amati e desiderati.

"Non ho mai associato i capelli bianchi all'invecchiamento", dice Virginie, 56 anni, che ammette di non ricordare quando ha cominciato ad avere i primi capelli bianchi, sono arrivati ​​gradualmente e si sono mescolati perfettamente l'uno con l'altro nella sua chioma bionda. "Pensavo che ne sarei rimasta traumatizzata. Oggi ne sono quasi divertita. Non sopporto in compenso le sopracciglia bianche, sono difficili da tingere e crescono all'improvviso".

"Accettare i propri capelli bianchi è una conquista", spiega Eudoxie. Spesso una chioma bianca rimanda all'immagine della donna trascurata o della nonna (o a entrambe le immagini contemporaneamente). Decidere di avere i capelli completamente bianchi e rinunciare alle colorazioni per molte è una battaglia da combattere. Un'idea inaccettabile per Cécile: "Il successo del libro di Sophie Fontanel mi ha portato a pensare che la nostra società ha davvero un problema per arrivare a celebrare una persona per i suoi capelli bianchi, qualcosa che capita a tutti! Ci sono atti che considero eroici, penso alle donne coraggiose che affrontano la perdita dei loro capelli a causa di un cancro. Per me, accettare un capello bianco non ha nulla di eroico, per me non è una battaglia".

Tuttavia, passare al bianco richiede carattere e un po' di tenacia, specialmente nel delicato momento della transizione. "Ho odiato quel periodo", ricorda Gaby "dovevo affrontare fastidiosi sguardi e osservazioni stupidi, soprattutto perché all'epoca non era di moda". Ma secondo lei, più si aspetta, più sarà difficile: "Dal momento in cui inizi ad averne uno, devi lasciare andare la natura. Alcune vorrebbero fare il grande passo, ma trovano scuse come il fatto di non stare bene e o di non averne abbastanza".

"Vediamo sempre più donne orgogliose della loro chioma bianca, ma non so se sarei davvero in grado di accettarla. E sono sicura che mia figlia vivrebbe male questo cambiamento", dice Virginia. Anche il figlio di Gaby all'inizio non amava molto la scelta della madre: "Mio figlio maggiore alle superiori era lo zimbello della classe, all'uscita gli dicevano che era venuta a prenderlo sua nonna. Così li tinsi per qualche anno". Il suo desiderio? Che il bianco sia considerato, come il biondo e il rosso, come il quarto "colore primario".

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Capelli