Sapere come asciugare i capelli = ridurre gli appuntamenti in salone

Lezioni di messa in piega per avere chiome perfette e capelli più belli, vitali e super luminosi.

image
Imaxtree

C'è chi si vanta di avere una chioma sanissima perché mai asciugata con il phon, AKA turbante in microfibra + aria, chi non può fare a meno dell'ultimo modello di asciugacapelli (b)ionico, chi della piastra o dell'arricciacapelli di ultimissima generazione. Come asciugarsi bene i capelli è una domanda che si pongono in molti soprattutto chi ha una chioma delicata, trattata, crespa e/o poco folta. "I segreti per una piega perfetta iniziano dalla scelta dello shampoo, perché, per assicurare maggiore protezione al capello, sarà prezioso l’uso di un prodotto idratante, che difenda i capelli dall’asciugatura. Molto importante è anche poi che i capelli prima dell'utilizzo del phon non presentino alcuna traccia di prodotti detergenti. Si tampona - mai frizionare! - la capigliatura con un panno in microfibra, che rispetta la delicatezza della capigliatura e accorcia la durata dell'utilizzo del phon", ci spiegano gli esperti della Compagnia della Bellezza.

Gli hairstylist di Jean Louis David aggiungono che "pre-asciugare i capelli a testa in giù permette di togliere molta acqua e di dare volume alla capigliatura, perché tutte le radici vengono sollevate. È consigliato in modo particolare per i capelli ricci, che poi verranno modellati con il diffusore. Se volete realizzare un brushing ricordate di dare ai capelli la direzione che preferite. Prima di spazzolarli usate le dita. Se volete metterli più da un lato che dall’altro orientate i capelli con le mani. Se poi li preferite lisci, tirateli verso il basso con le dita: risparmierete tempo e potrete modellare poi i capelli più facilmente". Il phon a una temperatura troppo alta, ricordiamolo, può danneggiare i capelli, rendendoli secchi e favorendo la formazione di doppie punte, quindi cercate di usare tanto calore nella fase iniziale, per poi diminuirlo man mano che sentiremo i capelli sempre più asciutti.

"Un modo semplice per avere capelli morbidi e luminosi è quello di iniziare la piega utilizzando le dita per poi passare alla spazzola che sarà tonda per creare volume e piatta per lisciare. Per un risultato a regola d'arte applicate un prodotto per lo styling adatto alla tipologia di capello e studiato per l’effetto ricercato e/o un prodotto termo-protettivo", proseguono i guru dei capelli di Compagnia della Bellezza dopo avere consigliato uno spray volumizzante in caso di capelli sottili e un balsamo leave-in per i capelli folti e/o crespi. Altra fase importante: eseguite l'ultima parte dell'asciugatura con aria fredda, in questo modo conferirete luminosità ai capelli e fisserete la piega donandole un effetto ventilato e “spettinato-ricercato”. I prodotti modellanti come gel e cere devono essere applicati alla fine della fase dell’asciugatura per non appesantire il capello. Per idratare e lucidare la chioma in modo del tutto naturale, invece, optate per una goccia di olio per capelli.

Come asciugare i capelli ricci. Esiste un modo per combattere/eliminare/dimenticare i capelli crespi e gonfi e chiome deformate da volumi non richiesti? "Il frizz effect va contrastato utilizzando prodotti specifici che vadano a definire il riccio e a chiudere le squame", spiega Sabrina Arvizzigno, titolare di Arvi's Framesi Boutique a Milano. Dopo shampoo + conditioner + mask i capelli ricci vanno tamponati. Applicate poi un prodotto per l'isolamento termico e uno di definizione. "L’unico modo per asciugare benissimo i capelli ricci senza farli gonfiare è non asciugarli con il phon, ma applicare una crema che crea definizione e lasciarli asciugare al sole. In inverno, consiglio di asciugare con il phon la nuca e applicare il prodotto. Asciugare poi con asciugacapelli + diffusore a velocità bassa", aggiunge Armando Petracci, head master technician per Framesi.

Come asciugare i capelli lisci. Gli esperti della Compagnia della Bellezza sottolineano che un brushing super-liscio sarà facilitato dall’impiego del bocchettone, che dirigerà più agevolmente il getto d’aria verso la zona trattata e non scompiglierà la chioma, in particolare se utilizzerete una spazzola piatta per un effetto liscissimo o una spazzola tonda per una piega leggermente wavy. In entrambi i casi, la procedura sarà la stessa: dovrete tirare le ciocche con la spazzola, porle a favore del phon e srotolarle con delicatezza, direzionandole verso il basso. Il phon sarà sempre in movimento, impostato a una temperatura massima e mantenuto a una distanza di circa 15 cm. Per dare volume alle radici, una volta arrotolato il ciuffo, dovrete mantenerlo in posa per qualche secondo sotto il getto d’aria e liberarlo lentamente mantenendolo perpendicolare alla testa. Prodotti specifici per i capelli lisci, infine, vi aiuteranno a fare durare la piega.

Come asciugare i capelli fini. Delicati e sensibili i capelli sottili hanno bisogno della costruzione di una struttura che li sorregga per non farli apparire radi, spenti o poco vitali. Importantissima risulterà la fase della pre-asciugatura, in quanto vi consentirà di limitare l’utilizzo del phon. "I capelli andranno districati con un pettine a denti larghi, che non li aggredisca e non li spezzi, mentre dovrete fare attenzione a mantenere morbide le radici, tenendo la ciocca che state pettinando tra le dita", consigliano gli esperti della Compagnia della Bellezza.

Come asciugare i capelli al naturale. In questo caso gli hairstylist sconsigliano di usare prodotti volumizzanti solitamente studiati specificamente per lo styling che accompagna l’uso del phon, ma di sollevarli alle radici con pinze o mollette per capelli e di lasciarli asciugare così. Se volete usare il phon dovrà essere impostato a una temperatura media. Se volete maggiore volume optate per prodotti ad hoc applicati alle radici. Non esagerate con i prodotti per lo styling che sporcano/appesantiscono i capelli. Ricordate che il gel effetto wet è molto indicato per la messa in piega dei capelli fini e/o corti, mentre quello a forte tenuta è perfetto per quelli lunghi. La lacca, infine, va applicata sollevando le radici sotto le ciocche.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito