Cosa dobbiamo imparare dal mascara colato dell'ultimo show di Gucci

"Per la sfilata Autunno Inverno 2020 2021 abbiamo usato il mascara in un modo un po' inaspettato...", Thomas de Kluyver global make up artist di maison.

Ci aveva già commosso un anno fa, facendo piangere le sue modelle con lacrime di cera. Ora Alessandro Michele che ama le lacrime "perché rivelano qualcosa di potente", per la sfilata Gucci Autunno Inverno 2020/2021 ha voluto mettere il scena il risultato di un pianto, un trucco colato. Esito/frutto di una sbavatura creata a regola d'arte da Thomas de Kluyver, global make up artist di maison, del nuovo Mascara Gucci L'Obscur presentato nel backstage prima della sfilata.

A mettere il risalto il makeup look drammatico degli occhi le palpebre evidenziate con il nuovo gloss gel Éclat De Beauté Effet Lumière e le sopracciglia decolorate, da tempo ormai firma di bellezza di Gucci. Le labbra sono sublimate con il rossetto trasparente Rouge à Lèvres Voile 201 The Painted Veil. A completare il beauty look le acconciature realizzate, da Paul Hanlon, ora impreziosire con cerchietti tempestati di cristalli, ora con pieghe lisce, ondulate o frisé. Una bellezza la cui espressività aumenta contemplandola come il Bolero di Ravel, il brano caratterizzato da un progressivo crescendo di intensità, che ha accompagnato la sfilata.

Gucci
Alessandro ZenoImaxtree

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Makeup