Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Gravidanza tardiva: i figli sono più sani e intelligenti

Questi i benefici, ma permangono rischi quali l'aborto spontaneo e le anomalie cromosomiche.

Gravidanza tardiva: i figli sono più sani e intelligenti
Getty Images

«I figli di gravidanze tardive sembrano essere più sani e con facoltà intellettuali più sviluppate». È quanto è emerso da uno studio condotto su oltre 1,5 milioni di svedesi dal Max Planck Institute for Demographic Research di Rostock (Germania), come riporta marieclaire.fr.

In realtà questi risultati non sarebbero legati direttamente all'età della madre, ma al fatto che le condizioni di salute e il contesto sociale in cui viviamo continuano a migliorare, fattori che andranno a influire positivamente sul futuro del bambino. «In altre parole, una donna che avesse un figlio a 20 anni e un altro a 40, farebbe godere al secondogenito 20 anni in più anni di evoluzione alimentare, progresso sociale e ricerca medica».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

«I rischi legati a una nascita da una madre ultraquarantenne sono superati dai benefici. I genitori non dovrebbero sentire parlare solo delle conseguenze negative di una gravidanza tardiva, ma conoscere anche quelle positive», spiega il direttore dell'istituto che ha condotto la ricerca. Benché i ricercatori di questo studio siano convinti dei benefici delle gravidanze tardive, i rischi a esse legati (anomalie cromosomiche, aborti spontanei, ipertensione arteriosa, diabete gestazionale, disturbi cardiaci e problemi alla tiroide) sono troppo importanti perché i medici possano consigliarle.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Salute