Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Relazione tossica: 10 modi per dire basta

Decalogo per riuscire a interrompere un rapporto dannoso e tornare ad amarsi.

Come uscire da una relazione tossica
Courtesy Photo

Relazioni tossiche e dannose per la salute. Sono quelle storie fatte di pochi attimi di felicità e lunghi momenti di infelicità, sofferenza e senso di disagio e insicurezza. Quei rapporti in cui una persona fa sentire l'altra molto spesso inadeguata, non presta attenzione ai suoi sentimenti, si lamenta sempre di lei, la deride e/o non la fa sentire libera di esprimersi. Di seguito 10 modi per dire basta a una relazione tossica.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

1. Ascoltarsi. Iniziare a dare maggiore importanza ai propri bisogni e ai propri desideri così da non permettere all'altra persona di farci del male.

2. Identificarla. Rendersi conto che la relazione ci fa soffrire perché non ci permette di sentirci liberi di esprimerci e di essere noi stessi.

3. Giudicarla. Essere in grado di valutare quanto questo rapporto conta per noi e quanto è giusto continuare a tenerlo in vita.

4. (Re)agire. Riconoscere le dinamiche malsane e prenderne le distanze o (re)impostare la relazione in modo più equilibrato.

5. Riflettere su se stessi. Cercare di essere consapevoli del fatto che il motivo potrebbe essere una bassa autostima di noi stessi.

6. Chiedere aiuto. Se non siamo in grado da soli di porre fine a un rapporto tossico cerchiamo il supporto di uno psicologo o di un terapeuta.

7. Amarsi. L’unica vera lezione da imparare in una relazione dolorosa è avere abbastanza rispetto per se stessi da romperla.

8. Interromperla. Non è semplice, ma potrebbe essere molto peggio continuare una relazione che genera malessere e infelicità.

9. (Ri)conoscerla per evitarla. Non caderci una seconda volta con la stessa persona o con una persona della stessa pasta.

10. Non tacere. Se la relazione comprende(va) degli abusi rivolgersi a centri anti-violenza per proteggere se stessi e possibili nuove vittime.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Salute