Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Perché dovremmo massaggiarci le orecchie tutti i giorni

Un'antica pratica della medicina tradizionale cinese super benefica e senza controindicazioni.

Getty

Cos'è la prima cosa che si fa quando ci si sente stanchi durante la giornata? Se non ci si può fermare a riposare si prende un caffè. Un'alternativa altrettanto energizzante senza bisogno di alzarsi dalla scrivania potrebbe essere quella di massaggiarsi le orecchie. Antica pratica della medicina tradizionale cinese, questo massaggio si esegue prendendo la parte superiore delle orecchie tra il pollice e l'indice e, strofinandola delicatamente, si scende fino al lobo, una o più volte.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Getty

L'ideale poi sarebbe massaggiare quello che gli antichi cinesi chiamavano shenmen, tradotto con "porta del cielo", situato nel centro del terzo superiore dell’orecchio. Secondo la tecnica terapeutica della digitopressione questo punto, massaggiato con le dita o con l'aiuto di un cotton fioc, allevia lo stress e aumenta il flusso di energia. Non a caso l’agopuntura auricolare si applica per rilassare, contrastare l'insonnia e alleviare i dolori post-operatori e secondo l'auricoloterapia l'orecchio è la regione del corpo dove tutti i canali energetici si incontrano. Essendo fulcro di terminazioni nervose collegate direttamente al cervello. Provare per credere!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Salute