Le buone pratiche del risveglio: 10 cose da fare per rendere migliore la vostra giornata

Il silenzio, il tempo per noi, scrivere, distendere il corpo, una buona colazione, un tocco di rosso sulle labbra e una buona pianificazione della giornata di lavoro

image
Photo by Annie Spratt on Unsplash

Ognuno ha i suoi riti di inizio giornata: c’è chi non può fare a meno di una tazzina di caffè leggendo la rassegna stampa, chi va a correre, e chi tende a procrastinare la sveglia. Con l’aiuto di esperti abbiamo raccolto alcune buone pratiche mattutine, per migliorare noi stessi e il rapporto con gli altri.

1. Il diario della gratitudine

«Prima di andare a dormire scrivete cinque cose per cui siete grati», spiega Carolina Traverso psicologa e insegnante di mindfulness. «Non c’è bisogno che spieghiate il motivo, semplicemente osservate, e segnatevi una parola, una frase o il nome di una persona che rende la vostra vita migliore». Rileggere questi pensieri al mattino è benefico: la gratitudine è un’emozione positiva.

2. Playlist armonica

Getty Images

Svegliatevi con il suono di una sveglia tradizionale. Oppure con della musica. «L’importante è scegliere il proprio ritmo evitando distonie», sostiene Marina Pierri, conduttrice di programmi musicali su Radio Raheem, web radio milanese. «Ottime la musica neoclassica e il folk femminile». Questa la playlist che suggerisce:

Neoclassica: Federico Albanese Carousel #3 Jonny Greenwood Phantom Thread II Agnes Obel September Song Philip Glass Mad Rush Nils Frahm Ambre Amiina Sexfaldur.

Folk: Cat Power No Sense Julie Byrne Melting Grid Julia Holter Everytime Boots Vashti Bunyan Where I Like To Stand.

3. Meditazione e download

Getty Images

Appena sveglie ascoltate il vostro silenzio, i rumori della casa, il miagolio del gatto o i suoni lontani che arrivano da fuori. «Mandate un pensiero gentile a chi pulisce le strade, a chi conduce i mezzi pubblici, a chi ha già aperto il bar», aggiunge Carolina Traverso. «Senza dimenticare che siamo tutti qui, su questo pianeta, con vite e storie diverse ma con lo stesso desiderio di essere felici». E prima di occuparvi della giornata lavorativa provate a liberare la mente meditando. «Cinque minuti la mattina e cinque la sera. Fatelo anche durante la giornata, per esempio dopo un’email che vi ha turbate: respiri consapevoli prima di un incontro importante possono cambiarvi non solo l’umore, ma l’intero corso della giornata». «Utile è anche il download dei pensieri notturni», spiega Francesca Zampone, coach e fondatrice dell’Accademia della felicità. «È una pratica diffusa nel mondo anglosassone: scaricateli annotandoli su un diario, la notte ne è ricca anche se non ne siamo sempre consapevoli».

4. Piccole mosse

Getty Images

L’attività fisica ci rimette in linea per la giornata. «Non la corsa o l’aerobica ma esercizi per la distensione del corpo. Per riprendere il giusto equilibrio bastano pochi minuti di stretching o movimenti di Tai Chi», conclude Zampone.

5. Smartphone silenziato

Al mattino dimentichiamo il cellulare. Non usiamolo almeno per un’ora. «Non dovremmo neppure tenerlo sul comodino perché suoni e luci mettono il nostro cervello in uno stato di allerta continuo», spiega Francesca Zampone. «Appena sveglie tenete il lavoro lontano da voi».

6. Chi ben comincia

La colazione, si sa, è il pasto più importante della giornata. «L’ideale sarebbe cominciare con un bicchiere di acqua tiepida con limone», spiega Viviana Varese, chef stellato del ristorante Alice. «Poi un frutto o una spremuta e uno yogurt magro con i cereali. Se si vuole, una fetta biscottata con marmellata e possibilmente come bevanda tè verde (se vi piace zuccherato utilizzare il miele)». E Antonia Klugmann, giudice di MasterChef Italia aggiunge: «Se non avete fame non sforzatevi. Si può fare uno spuntino a metà mattina, preparando un centrifugato, per esempio di cavolo nero, zenzero, mela e limone, oppure più corposo, abbinando anche una tazza di yogurt, una banana, frutta secca e magari cioccolato fondente tritato».

7. Un tocco di rosso

Getty Images

Una doccia e poi un trattamento idratante. «Le buone abitudini per il viso prevedono siero e crema ad alti filtri di protezione contro luce e smog», spiega Davide Frizzi, makeup artist Dior. «Poi un fondotinta anche con camouflage totale purché con texture ad acqua. Correggere le imperfezioni permette di affrontare meglio la giornata». Infine mascara, blush in un tono rosato e rossetto. «Assolutamente rosso, secondo l’intensità preferita: è elegante e ravviva il mood lavorativo».

8. Scia personale

Getty Images

Anche il profumo ci aiuta ad affrontare la giornata. «Uno fresco e solare, indossato sugli indumenti, così l’evaporazione sarà più lenta e ci darà la possibilità di ritrovarne le note durante la giornata», spiega Luca Maffei, perfumer di Atelier Fragranze Milano. «Preferire note verdi e agrumate, accompagnate da spezie energizzanti».

9. To-do-list

Dopo il un momento di quiete e la cura personale posso pensare alla programmazione della giornata. «I due aspetti - vita lavorativa e privata - vanno guardati in ugual modo perché se l’agenda di lavoro è ben strutturata ma poi mi rendo conto che ho perso la festa di fine scuola o non riesco a trovare uno spazio per un taglio di capelli, non sarò comunque soddisfatta – spiega Camilla Rovelli, executive coach - Deve avere chiaro come voglio utilizzare il tempo, cosa va affrontato con urgenza e cosa può essere rimandato. Nei diversi ruoli che ricopro - madre, moglie, amica, professionista - quale obiettivo voglio raggiungere oggi?».

Getty Images

Non dimentichiamo che «la pianificazione è quell’attività che permette di guadagnare fino a un terzo del tempo totale della giornata. Il sapere cosa-fare-quando consente di trovare il momento migliore per ogni attività da svolgere. Senza pretese di riuscire a fare tutto, anche perché la “to-do-list” giornaliera va sempre considerata a fronte di un disegno più ambio, settimanale, mensile e annuale».

10. Il pensiero positivo

Infine, prima di affrontare città-lavoro-colleghi, focalizziamoci su qualcosa di positivo. Preoccuparsi in anticipo è inutile: indossare gli occhiali rosa dell’ottimismo è il miglior punto di partenza. ¶

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Salute