La nuova collezione di piatti Grand Tour firmata Vito Nesta

Il designer ci conduce in mondi esotici e scenari idilliaci, attraverso i suoi onirici piatti in porcellana.

image
Marie Claire Maison

Luoghi fantastici, in bilico tra estro e realtà, decorano tre collezioni inedite di porcellane firmate Vito Nesta. Per il lancio del suo brand Grand Tour, infatti, il designer trentunenne di origini pugliesi (ma milanese d'adozione) evoca universi lontani.

I nuovi piatti Grand Tour disegnati da Vito Nesta.
Courtesy photo
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

E adorna tre serie di piatti con seducenti donne berbere riccamente ingioiellate (linea Cairo), tribù africane dal fascino primordiale (Kenya) e misteriose suggestioni mediorientali (Libano).

Tappeto Wagasa, altro elemento della collezione Grand Tour di Vito Nesta.
Courtesy photo

Forte di una laurea in Interior design conseguita a Firenze, questo instancabile visionario vanta collaborazioni per marchi prestigiosi: da Roche Bobois a Les-Ottomans, fino a Society.

Wallpaper Botanica disegnata per Devon&Devon.
Courtesy photo

Risale invece a gennaio e al palcoscenico parigino di Maison&Objet il suo "debutto da solista", con creazioni caratterizzate da pattern floreali abbinati a disegni geometrici e motivi di antiche stampe.

Piatto Maharaja collection per Les-Ottomans.
Courtesy photo

Un'armoniosa mescolanza di scenari onirici e ricordi di viaggio ispirata alla Turquerie, moda orientalista in voga tra il XVI e il XVIII secolo influenzata dalle arti visive in auge nell'antico Impero Ottomano.

Anatomica Collection, Grand Tour di Vito Nesta.
Courtesy photo

A tutto questo si aggiunge un tocco personale giocato sul filo della memoria: quel mondo creato dalla nonna materna nella masseria di famiglia, una Wunderkammer di pezzi unici raccolti con grande eclettismo.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Il designer nel suo studio.
Courtesy photo

Senza contare che per il futuro, nella valigia di questo romantico viandante, ci sono tanti nuovi sogni: tessuti, vasi e una mostra monografica.

Piatti Corteo collection per Les-Ottomans.
Courtesy photo
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Incontri