Il talento di Agustina Bottoni, designer cosmopolita

Nobilita gli oggetti del quotidiano conferendo a ciascuno un’inaspettata bellezza.

image
Courtesy Photo nella grafica di Silvia M. Reppa

Nel ritratto in alto. Agustina Bottoni fotografata da Giovanni Gastel: 24 anni, di origini argentine, laureata a Buenos Aires, ha mosso i primi passi nella moda. In seguito ha frequentato un master in Design alla NABA di Milano.

Creazioni dal tratto garbato, cosmopolita, indipendente. Progetti dal fascino evergreen, capaci di far convivere design, arte e artigianato, consacrando così la giovane artista Agustina Bottoni tra i grandi nomi dell'arredo contemporaneo. Classe 1984, di origini argentine, rivela: «Mi ispiro all'architettura; ne sono un esempio Calici Milanesi, collezione-omaggio all'eleganza razionalista di Villa Necchi Campiglio». In vetro borosilicato, il tris di bicchieri rappresenta pure un tributo alla consuetudine meneghina dell'aperitivo («Un rito di puro edonismo, pausa e fuga dalla frenesia quotidiana», commenta divertita Bottoni).

Un’ambientazione creata dalla stylist Cristina Nava per Marie Claire Maison fa da cornice alla collezione di tende e sculture sonore Melodicware.
Lorenzo Pennati

Sculture sonora Melodicware (in versione still life), dove il colore esalta la finalità di utilizzo.
Roberto Nino Betancourt
Scultura sonora Melodicware.
Roberto Nino Betancourt

Armonia e funzione stanno al primo posto, declinate in silhouette oniriche, come la serie Melodicware: sculture sonore realizzate con tubi in ottone in grado di creare note soavi. «Le frange incuriosiscono e incoraggiano l'interazione, portando lo spettatore oltre la vista e il tatto», spiega. Oppure l'installazione site-specific In Itinere, presentata alla Building Gallery durante il Salone del Mobile 2018. Cofirmata assieme a Ilaria Bianchi e Astrid Luglio con il nome The Ladies' Room, prevedeva un dialogo virtuoso tra disegno e natura, alla scoperta di forme archetipiche. Una dimensione poetica che contraddistingue tutto il meraviglioso mondo di Agustina.

Cocktail glass della serie Calici Milanesi: l’architettura modernista in versione bicchiere.
Roberto Nino Betancourt
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Incontri