Il volto segreto della Design Week

Un mondo di idee si apre attraversando i cortili milanesi: negli appartamenti di città si sperimentano nuovi modi di abitare.

image
Courtesy photo

Vedi anche la nostra Guida a Brera District. #Maisonmpas

Vedi anche la nostra guida alla Zona centro. #Maisonmpas

In principio c’era un unico indirizzo: via Solferino 11, la casa galleria di Britt Moran e Emiliano Salci, in arte Dimorestudio. Una dimora dal sapore milanese che ogni anno si trasforma per raccontare nuove storie. L’idea di creare un ambiente intimo e familiare per presentare le nuove tendenze arredo è diventato in questi anni una vera moda. Sperimentato anche da Appartamento Lago in via Brera 30, già dal 2009, nel 2017 si è poi trasformato in un format, quando i protagonisti di Studiolabo chiamano Studiopepe a progettare un appartamento completo, complici importanti firme. Lo spettatore si ritrova immerso nella bellezza senza il bisogno di realtà aumentata, tra corridoi, soffitti imponenti e modanature. Anche quest’anno le case ritornano a svelare al mondo quella che sarà la nuova stagione del design. Ecco un percorso narrativo tra i nuovi paesaggi domestici.

Dimoregallery, Visioni.
Archivio Gabriella Crespi

Dimoregallery

È uno dei luoghi più visitati durante la Design Week. Posizione strategica, sopra lo spazio occupato da Boffi, Salvatori e Paola C, un cortile che da sempre è un concentrato di idee, progetti e fantasia. Anche quest’anno Britt Moran ed Emiliano Salci hanno deciso di scindere la realtà della raffinata galleria da quella che è la loro produzione, oggi raccontata da un unico e nuovo nome: Dimoremilano. In Solferino ci sarà uno speciale set up per l’esclusiva collaborazione con Gabriella Crespi, icona di stile intramontabile amata dai collezionisti di tutto il mondo.

9/14 aprile dalle 11.00 alle 20.00

Via Solferino 11

Courtesy photo

Brera Design Apartment

Ricetta perfetta, per un successo annunciato. Metti insieme la straordinaria location e il talento di Cristina Celestino con Besana Carpet Lab e il risultato è assicurato. L’installazione s’intitola Planetario e promette meraviglie, tra suggestioni retrofuturistiche che evocano l’impresa spaziale dell’Apollo 11 (quest’anno è l’anniversario dello sbarco sulla Luna) e superfici in moquette che riportano all’infanzia. Il calendario eventi dell’appartamento non si limita ai giorni del Fuorisalone, ma prosegue per tutto il 2019 con i Canvas Talks al femminile di Casa Cavas (a cura di Thayse Viégas e Silvia Matias), la Coffee Room di Casamenu di Cristina Galliena Bohman e Francesca Martines, le digital tips di Simpleflair con How to be digital, i DesignDate di Laura Traldi ed i Kitchen Tools di Andrea Vigna.

9/14 aprile,

Via Solferino 11


Courtesy photo

Salvatori

Nello stesso cortile di Brera, un altro appartamento showroom si trasforma per la settimana del design. La mano che guida il progetto di Hidden Rooms è quella Elisa Ossino, che ha creato un percorso a sorpresa tra i vari ambienti che compongono l’articolata struttura della casa. All’interno, le nuove collezioni in marmo e pietra di John Pawson, Piero Lissoni, David Lopez Quincoces e Elisa Ossino.

9/14 aprile,

Via Solferino 11

Courtesy photo

Maison Ottomana

Cambio di scena improvviso. Basta un attimo per passare dalle vie affollate di appassionati di design a un interno dal sapore mediorientale. Les Ottomans, brand che da sempre trae ispirazione dalle magiche atmosfere di Istanbul, trasforma una casa milanese in una sontuosa reggia da sultano. Un oasi di pace dove abbandonarsi tra una moltitudine di cuscini colorati, tappeti pregiati ed evocative porcellane. Basta chiudere gli occhi per sognare il Bosforo e scorgerlo fuori dalla finestra.

9/13 aprile

Via Solferino 16

Andrea Pedretti

PalermoUno

Una nuova location, ancora un altro appartamento. PalermoUno, lo studio di Sophie Wannenes inaugurato lo scorso novembre, si popola di forme e nuove suggestioni. La padrona di casa ha deciso di mostrarci un progetto corale, Your Design is Welcome, nato da una all for entries lanciata lo scorso anno. All’interno delle otto stanze ci saranno solo limited edition e prodotti unici firmati da talenti emergenti, il cui filo conduttore sarà il colore.

9-14 aprile 2019
Via Palermo 1, Milano

Courtesy photo

Via Cesare Correnti 14
In questi ultimi anni, da quando il progetto 5VIE ha preso forma, l’appartamento di via Cesare Correnti è diventato tappa obbligatoria per scoprire quella parte del design che più si avvicina all’arte. Le stanze decorate con tappezzerie usurate dal tempo quest’anno ospitano una coppia d’eccezione: Kiki van Eijk e Joost van Bleiswijk, una delle più creative, talentuose e prolifiche degli ultimi anni, che duettano sul tema dell’empatia. Connect, con la partecipazione di Niels Hoebers, Sander Wassink, Michela Castagnaro è prodotto da 5VIE, con il sostegno del Consolato Generale dei Paesi Bassi.

9-14 aprile

Via Cesare Correnti 14

Courtesy photo

TED Milano

Da mettere assolutamente in agenda, lo showroom di TED Milano è un concentrato di raffinatezza. Artemest, per la seconda volta, ha scelto questo indirizzo per l’installazione Living Objects, una selezione di arredi, illuminazione e decoro creati dalle mani esperte di artigiani e designer provenienti da tutta Italia. Un percorso domestico inedito tra le splendide tappezzerie che decorano le pareti di questa meravigliosa villa con giardino firmata da Gio Ponti.

9-14 aprile

Via Giovanni Randaccio 5

Courtesy photo

Opificio 31

Emozioni, fantasia e creatività. Un appartamento di 150 mq dedicato alla leggerezza e piacevolezza del vivere domestico verrà allestito all’interno della corte industriale di via Tortona 31. The Playful Living, realizzato con la partnership del CILAB, Laboratorio di Ricerca del Politecnico di Milano, promette di esplorare il lato ludico dell’abitare tra oggetti, materiali, luci e soluzioni d’arredo che trasformano i gesti della vita quotidiana in un gioco condiviso tra adulti e bambini.

9-14 aprile 2019

Via Tortona, 31

Courtesy photo

Grand Hotel Et De Milan

Che cosa c’entra un hotel in tutta questa storia? Semplice: era la “casa” dove Giuseppe Verdi ha abitato per molti anni. Non poteva esserci location più suggestiva per un animo romantico come quello di Vito Nesta. Musica da viaggio. Vito Nesta nelle stanze di Giuseppe Verdi, a cura di Annalisa Rosso, è un omaggio onirico al maestro. In mostra, tra gli arredi originali, una sequenza di installazioni in scala architettonica che giocano con la gamma cromatica, così come Verdi utilizzava melodia e armonia per comporre i suoi spartiti.

9-14 aprile 2019

Via Alessandro Manzoni 29

Pubblicità - Continua a leggere di seguito