Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Spendereste 86 euro per mangiare un donut? (Sì, uno solo)

Un locale di Los Angeles sta facendo impazzire i clienti con una specialità che vale tanto ora quanto pesa (ma sul serio).

Unsplash

Donuts ripieni, donuts glassati, donuts ricetta originale, rosé donut: c’è un grazioso posticino a Los Angeles dove si trovano tutti quelli che vi vengono in mente. Ma non basta. Si trovano anche quelli placcati d’oro. Sul serio. Si chiama Birdie’s LA e la gente fa la fila per provare il brivido di assaggiare una ciambella scintillante come un bracciale a 24k. Un’esperienza davvero inusuale per gli americani, abituati ai donut come dolce economico e dal consumo rapido, che si porta in scatola ai colleghi nelle giornate in cui l’umore è particolarmente frizzantino, e che Homer Simpson manda giù a due a due. Ma che a volte associamo anche ai Dunkin’ Donuts aperti 24ore a New York dove c’è sempre qualcuno che pisola accasciato su un tavolo, ad aspettare l’alba. Niente di tutto questo: Birdie’s sta portando la ciambella ad un livello tutto nuovo, e altissimo.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Il fondatore di Birdie’s si chiama Jason Harley, detto Chef J, e la sua idea iniziale è stata quella di aprire un posto a downtown Los Angeles dove far mangiare alla gente cibo non precotto, cucinato di fresco, servito appena sfornato o spadellato e divertente da vedere. Ha così messo in moto una produzione propria di donut e di pollo fritto di qualità preparati nei modi più libidinosamente golosi che gli (e vi) venivano in mente. In pratica: due grandi classici della cucina americana reinventati e con un pizzico di qualcosa in più. Poi ha aggiunto anche panini al pollo con i condimenti più buoni (e più a rischio di patacca sui pantaloni) che potete immaginare. Tutto però di origine controllata, con carne e ingredienti praticamente biologici. Risultato: lista d'attesa per un tavolo.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Poi ha trovato il filone delle ciambelle stravaganti. Ne ha combinate di tutti i colori (no, non è un modo di dire, le ha fatte davvero) le ha farcite con le creme più golose possibili (compreso il dulche de leche) finché non gli è venuto in mente di far parlare del suo locale placcando di lamina oro a 24k qualche esemplare che esce dal suo forno. Ovviamente, perfettamente commestibili, dato che l'oro è un metallo che in piccole dosi fa parte del nostro fabbisogno nutrizionale. Prezzo della prelibatezza: 100 dollari, al cambio attuale 86 euro. Un successone, anche se di nicchia. Tanto che per chi non se lo può permettere, è stata emessa una “edizione limitata” più piccina, a 25 dollari. Perché tutti abbiamo diritto a un bel donut d'oro.

(in apertura Foto di Carlo Verso su Unsplash ) photo courtesy Birdie's LA

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Food