Altro che cavoli amari! Il cavolo rosso è il toccasana che svolterà il vostro inverno

Una lista di proprietà infinite e un colore bellissimo per l'ortaggio violetto che promette miracoli inaspettati.

cavolo-rosso-proprieta
Getty Images

Cavolo rosso o cavolo viola? Come lo chiamate, voi? Non importa: quello che conta è che alla prossima spesa al supermercato vi conviene infilare nel carrello un cespo di questo ortaggio straordinario e sperimentare subito qualche coloratissima nuova ricetta. Perché? Ma perché la lista dei suoi insospettabili benefici per la salute e la bellezza è interminabile, e non approfittarne sarebbe uno spreco. State a vedere tutte le proprietà del cavolo rosso che non avreste mai immaginato lontanamente, dall’azione antiaging a quella tipica della dieta antitumorale, e come trarre il meglio di questi miracoli. Rimarrete a bocca aperta.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Getty Images

Questo ortaggio dalla lunga storia, reperibile soprattutto in Europa, America e Cina, prende il suo colore dalle antocianine, sostante del gruppo dei flavonoidi, ma può variare di intensità a secondo del terreno dove è stato coltivato. Le antocianine sono dei potenti antiossidanti che proteggono la pianta dai raggi del sole, e la parola “antiossidante” ci fa suonare subito un campanello. Ma oltre alle antocianine il cavolo rosso contiene calcio (prezioso!), manganese, magnesio, ferro, potassio, vitamina A, C, E, K e persino quelle del gruppo B. E le immancabili fibre. Si tratta di elementi che valgono oro e che hanno come loro prima, preziosissima conseguenza la prevenzione dell’invecchiamento precoce e le proprietà antitumorali. E danno persino un aiuto decisivo contro l’insorgere delle temutissime malattie neuro degenerative, come Alzheimer.

Getty Images

L’azione antitumorale dipende essenzialmente dalle antocianine. Tutti gli antiossidanti sono un killer delle cellule tumorali, ma è l’alta percentuale presente nel cavolo rosso a farne il più spietato di tutti. Ed è accertato che la sua azione sia particolarmente efficace nella prevenzione del cancro al seno. La stesso tipo di flavonoide, inoltre, protegge il cuore e ne previene le malattie. Basterebbe questo ma c’è di più. Andiamo avanti.

Getty Images
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Il cavolo rosso fa dimagrire. E non è uno scherzo. Molto più di qualsiasi pastiglia magica che possono spacciarvi, anzi, lui davvero. Il motivo? Il suo apporto di calorie nella dieta è ridicolo, non vale nemmeno la pena di calcolarle. In compenso ha delle componenti in grado di indurre senso di sazietà: fibre, minerali e nutrienti. Le fibre appagano lo stomaco nell’immediato, mentre i minerali, le vitamine e tutto il resto, in grande quantità, mettono in stand by l’organismo che si sente ben “rifornito” di elementi preziosi e non spinge alla ricerca spasmodica di altro carburate. Nb. Ne potete mangiare quanto ne volete.

Getty Images

Il cavolo rosso fa bene alla vista. Tanto bene. Consumato crudo in insalata, con mela, scalogno e quanto altro vi suggerisce la fantasia, è una vera iniezione di vitamina A protegge gli occhi e ne previene tutte le magagne della terza età (cataratta compresa). Senza contare che la vitamina A è anche la migliore amica della pelle liscia e luminosa.

Getty Images

Passate l’inverno sempre influenzati? La natura ha pensato a tutto, e per questo ci dà il cavolo rosso in autunno: perché è un vaccino naturale. La sua percentuale di vitamina C (consumato rigorosamente crudo) è così elevata da alzare le difese immunitarie, stimolando letteralmente la produzione di globuli bianchi, la prima barriera di difesa dell’organismo.

Getty Images

Si sente sempre dire che bisogna aver cura delle ossa. Ma non tutti sanno che il calcio di origine vegetale si assimila molto meglio e più efficacemente di quello del latte. Il cavolo rosso ha così tanto calcio che non vede l’ora di incollarlo alle vostre ossa rendendole di titanio (e prevenendo l’osteoporosi). Se tutti questi miracoli non vi bastano, rilanciamo aggiungendo che il cavolo viola è ottimo per il trattamento dell’ulcera. Considerato che sono solo due i casi in cui è preferibile non mangiarne (se si soffre di ipotiroidismo e, a volte, in gravidanza perché “indigesto” per il feto) è decisamente il momento di introdurre nella vostra dieta questo ortaggio fantastico, stufato, in insalata, nella pasta, nei panino, con una certa, magica regolarità.

photo GettyImages.com

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Food