Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Dimmi che donna sei e ti dirò qual è il tuo toast

Quattro toast x quattro donne x quattro momenti = la perfezione (con ricette al seguito).

Getty

C’è un semplice dettaglio che rende particolarmente speciale un toast: il momento in cui lo mangiamo. Se c’è un’invenzione a cui l’uomo dovrebbe rendere omaggio molto più spesso è lui, il toast, il concetto di panino schiacciato e di gusto amplificato. Quel quadrato (o maxi quadrato) che archivia fame, sensi di colpa e rigore. Nel toast tutto - o quasi - è concesso. Ma soprattutto: non c’è orario definitivo dagli usi comuni (e noiosi) per mangiarne uno. A rendere così fluido il concetto del panino più geometrico al mondo è anche, ovvio, quello che ci mettiamo per imbottirlo a dovere: premio all'ingrediente che regala emozioni? Emmental DOP, il gigante dei formaggi svizzeri (il peso della forma può arrivare fino a a 120 kg!!!). Partiamo da quei buchi da manuale tipici di Emmentaler per lasciarvi insinuare tutto ciò che rende un toast un capolavoro. Motivo per cui dalla colazione al late-late-late snack ecco 4 tipi toast per 4 tipi di donne (o viceversa).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Il mattino ha l’oro in bocca. Un classico che non ha eguali: pane in cassetta ai cerali + Emmentaler DOP classico (maturato dai 4 ai 5 mesi) + prosciutto cotto + caffè americano + rassegna stampa mattutina non ancora vestiti. Niente social please, solo morsi profondi. Per la donna che: odia gli spintoni al bancone di un bar qualunque per ottenere un cornetto qualunque. Il suo mantra: CHILLAX.

Getty

Far quadrare il pranzo. Home made is better than….chi trova un toast trova un amico, ovvero uno che come lei/lui ha poco tempo e molta voglia di mangiare bene senza fronzoli. Pane di segale + Emmentaler DOP Réserve (maturato 8 mesi) + mele Granny Smith a fettine + songino fresco + senape di Digione + tè matcha + gossip pre-riunione. Per la donna che: ama frutta & verdura di stagione e odia perdere tempo. Il suo mantra: GOOD JOB.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Getty

La cena delle campionesse. Kick box alle 20 previo: toast. Lezione di pilates finita alle 21: comfort food in arrivo. 50 vasche e poi tuffo a bomba sul letto alle 22: toast della felicità please. Pane alle noci + Emmentaler DOP Grotta (un anno di maturazione per vere intenditrici) + marmellata di fichi + culatello + serie tv registrata. Per la donna che: ama taglierini & compagnia. Il suo mantra: TUTTA LA FATICA (DI PRIMA) HA AVUTO SENSO.

Getty

The Late-late-show! Giornate troppo lunghe, ultimo calice di champagne (di troppo), loafer assassine (per le caviglie). L’orologio indica le 3 del mattino? That’s THE moment: pane bianco ben tostato (si devono vedere i segni del tostapane, chiaro?) + Emmentaler DOP Réserve + finocchi + noci + gocce di miele di timo + chignon rassegna di InstaStories. Per la donna che: ama vivere da sola (e che goduria). Il suo mantra: 24h, I'M IN.

Getty
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Food