Come non rompere una fetta biscottata quando spalmiamo burro e marmellata

Guida al consumo consapevole dell'altro tipo di biscotto e tutte le cose buone da metterci sopra senza andare in briciole.

image
Getty Images

Diciamocela tutta, la domanda più frequente, quando siamo tentati di comprarle e rigiriamo il pacchetto fra le mani al supermercato è: quante sono le calorie delle fette biscottate? La domanda sorge perché da sempre sono consigliate a colazione anche per chi cerca di perdere peso, o vuole mantenere il peso forma. La seconda domanda che ci poniamo, una volta a casa, quando apriamo il pacchetto e vogliamo spalmarci qualcosa di buono (che in genere, come da regola delle cose buone, sarà pieno di calorie) è: come non rompere una fetta biscottata, quando la spalmiamo con il cucchiaino o il coltello? Partiamo da lontano. Le fette biscottate sono praticamente prive di acqua (apposta sono fragili), hanno pochi grassi e sono ricchissime di carboidrati (i carboidrati nelle fette biscottate rappresentano la quasi totalità del prodotto). Oggi la produzione di fette biscottate è quasi esclusivamente industriale e si trovano in molte varianti, con numeri crescenti di cereali o integrali.

Le classiche Senza glutine di Viall: 4 Confezioni da 200 gr,
Viall
39,90 €


Fette biscottate, valori nutrizionali. Dicevamo: quante calorie hanno le fette biscottate? Per ogni 100 grammi apportano circa 400 calorie, che non è pochissimo perché comunque sono composte al 75% di carboidrati (82 grammi per ogni 100 di prodotto). Le proteine sono circa 11 grammi, gli zuccheri 2 grammi e il colesterolo praticamente nullo. Ma come scegliere fra i vari tipi di fette biscottate?

Set di coltelli per spalmare, in acciaio inossidabile
Vinbouquet
7,19 €


Meglio quelle che indicano sulla confezione quali sono i grassi che contengono e preferire quelle con olio di girasole o olio di oliva. A chi sono consigliabili quelle integrali? Per definirsi così, le fette biscottate devono essere prodotte con semola di grano duro, non con farina di grano tenero con aggiunta di crusca. Le fette biscottate integrali contengono più fibre, dunque anticipano e mantengono il senso di sazietà, per cui vanno bene per chi non vuole ingrassare. Poi ci sono quelle di farina di kamut, particolarmente indicate per sportivi e celiaci, totalmente prive di glutine.

Sottolestelle Cuordifrutta Mirtilli - 6 confezioni da 320gr
Sotto le stelle
27,07 €


Fette biscottate e dieta. Le fette biscottate vengono spesso incluse nelle diete, a colazione, ma come si può immaginare, in quantità moderata. Essendo facilmente digeribili sono adatte a chi soffre di problemi digestivi, anche acidità di stomaco, ernia iatale, reflusso gastroesofageo, gastrite e ulcera peptica gastrica o duodenale. Quante fette biscottate a colazione? Questo dipende da cosa scegliamo di spalmarci. Il numero massimo è quattro, magari una in più di quelle integrali. A questo punto, come non rompere una fetta biscottata quando la spalmiamo? Abbandonare l’idea istintiva di tenere i lati lunghi fra le dita, il modo migliore per mandarla in briciole. Proviamo invece a impilarne 3 o 4 una sull’altra e a passare la marmellata o la confettura con decisione. To’: funziona! Se vogliamo mettere anche – prima – il burro, c’è un dettaglio su cui cadono in molti: non deve essere appena tirato fuori dal frigo. Se è morbido, infatti, allora si spalmerà molto meglio e senza fare danni. C’è chi addirittura lo fonde appena, a bagnomaria, per passarlo sulle fette con un pennellino da cucina. Se non c’è tempo per far ammorbidire il burro il trucco estremo è... scaldare con una fiammella la lama del coltello. A mali estremi, e così via.

Nutural World - Collezione spalmabile di burro di Noce di Mandorla Orientale - 170g
Nutural World
30,11 €

Pubblicità - Continua a leggere di seguito