In Alaska c'è una città racchiusa in un condominio

Si chiama Whittier e i suoi abitanti sono (sorprendentemente?) felici di abitare in un palazzo insieme ad altri 200 inquilini...

image
Victoria Palacios su Unsplash

Visto da fuori sembra un grande condominio anni Settanta, una località sciistica di una qualsiasi parte del mondo. E invece no, è molto di più: l'edificio della città di Whittier in Alaska racchiude, infatti, un vero e proprio paese e ospita gli appartamenti di circa 200 privati cittadini, le istituzioni pubbliche, l'ospedale, la sede della polizia, la scuola, i negozi e perfino una chiesa. Siamo in Alaska a circa 50 chilometri a sud est di Anchorage, la capitale. Nella città di Whittier (nome ispirato all'omonimo poeta americano) per l'esattezza, e l'edificio in questione è una vecchia caserma dell'esercito costruita nel 1974 e poi dismessa. Negli anni successivi, sempre più persone colpite da varie ondate di crisi economiche decisero di andare a occupare il "palazzone" che via via prese vita, diventando oggetto di una metamorfosi che oggi lo vede come una realtà dal contenuto assai eterogeneo.

Per raggiungere la città-condominio di Whittier ci sono soltanto due possibilità: su una barca, oppure attraversando un tunnel a una sola corsia dall'apertura limitata a poche fasce orarie. A chi domanda loro se si sentano isolati a vivere tutti relegati in uno stesso edificio, gli abitanti di Whittier rispondono - un po' sorpresi dalla “stranezza” della domanda – che la loro condizione oltre che essere di estrema comodità permette di ricreare quel contesto “familiare” con i propri vicini che nelle città, quelle vere fatte di tanti edifici, si è perso. Per il resto del tempo, si occupano prevalentemente di pesca e di turismo (d'estate, quando cioè il clima è clemente, i turisti e i curiosi che arrivano in città sono numerosi), oppure lavorano nelle istituzioni e nei trasporti locali.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Coolmix