«Voglio imparare a fare il falegname»

AstroNave Lab è un laboratorio sociale e inclusivo che organizza corsi per bambini: qui si creano oggetti a mano, si pialla, si incolla, si assembla e si dipinge. Un progetto a regola d'arte.

il banco da lavoro del laboratorio astronave lab
Lourdes Cabrera

La prima cosa che senti appena entri nelle stanze di AstroNave Lab, laboratorio di «artigianato inclusivo a regola d'arte» aperto a Finale Emilia, fuori Modena, è l'odore del legno e del mare.

Interno del laboratorio di AstroNave Lab a Finale Emilia (Modena)
Lourdes Cabrera

Attorno a tavoli e scaffali, i bambini e i ragazzi sono alle prese con pialle, seghetti, vernici, viti, chiodi. Sono qui per imparare l'arte della falegnameria, lavorano a fianco di ragazzi diversamente abili e sotto l'occhio vigile di "professionisti della fragilità", come amano definirsi gli educatori e gli appassionati volontari - molti sono artigiani e designer - che partecipano a questo progetto.

Uno dei ragazzi coinvolti nel progetto AstroNave Lab al lavoro
Rosa La Cavalla
Tutti insieme studiano come realizzare piccole sculture d'arte, barchette e pesci mai uguali gli uni con gli altri, perché quando lavori con le mani scopri che l'imperfezione e la differenza sono il bello, il valore aggiunto. L'altra particolarità è che negli atelier di AstroNave Lab si utilizza solo legno di recupero, proveniente spessissimo da barche in disuso: ed ecco spiegato l'odore di salmastro.

Pietro, Jacopo e Carolina mostrano con orgoglio gli strumenti utilizzati e le loro creazioni durante un laboratorio per bambini tenuto da AstroNave Lab
Eva Chiara Ferraresi


Tutti insieme studiano come realizzare piccole sculture d'arte, barchette e pesci mai uguali gli uni con gli altri, perché quando lavori con le mani scopri che l'imperfezione e la differenza sono il bello, il valore aggiunto. L'altra particolarità è che negli atelier di AstroNave Lab si utilizza solo legno di recupero, proveniente spessissimo da barche in disuso: ed ecco spiegato l'odore di salmastro.


Una barca-scultura, uno degli "oggetti unici" creati dai ragazzi di AstroNave Lab e in vendita su loro sito
Lourdes Cabrera

Materie prime che servono anche a creare oggetti di design semplici, come i taglieri commissionati da un ristorante di Londra o i vasi creati in collaborazione con un negozio di fiori locale. A tenere le fila di questo progetto c'è Rulli Frulli Lab, l'associazione giá sostenitrice dell'omonima banda musicale, una realtá che in pochi anni ha coinvolto centinaia di ragazzi in spettacoli in Italia e all'estero, insieme alla cooperativa sociale Gulliver.

Ragazzi al lavoro nel laboratorio di Astronave Lab
Rosa La Cavalla


Anche con AstroNave Lab, del resto, l'intento di fare le cose "a regola d'arte" non è uno slogan astratto, ma una finalità imprescindibile. Il bello è condizione pedagogica di crescita individuale, in un contesto creativo e stimolante. E i risultati ottenuti nei laboratori lo dimostrano.

La squadra di AstroNave Lab al completo: i ragazzi disabili coinvolti nel progetto, gli educatori e al centro Federico Alberghini, ideatore e fondatore della Banda Rulli Frulli
Rosa La Cavalla

Intanto i nostri falegnami in erba non vedono l'ora di poter riprendere in autunno, perché non c'é niente di più gratificante che dare nuova vita a quello che apparentemente non serve più. Per info: astronavelab.it

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Speciale Enfants