Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Perché questo è (ancora) il miglior film estivo che ci sia

Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare d'agosto‬: 5 scene cult e 5 motivi per cui non ci stancheremo di (ri)vederlo mai.

Instagram

Quello che Arcangela Felice Assunta Wertmüller von Elgg Spanol von Braueich, meglio conosciuta come Lina Wertmüller, ha creato dirigendo nel 1974 Mariangela Melato e Giancarlo Giannini in Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare d'agosto è una di quelle alchimie che fa sì che una coppia non solo "funzioni", ma che riesca anche a diventare un archetipo di (quasi) ogni incontro impossibile trasformato in commedia, entrando nella storia del cinema (italiano e non solo).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

In pratica: come mai ancora oggi, dopo esattamente 42 anni, la "brutta bottana industriale e socialdemocratica" Raffaella Pavone Lanzetti apostrofata dal rozzo Gennarino Carunchio riesce ancora a far discutere (e naturalmente ridere) con un agglomerato fatto di scontro Nord-Sud, sesso, politica, femminismo, discrepanze sociali, violenza e razzismo, che altro non sono se non un ritratto italiano mutato ma comunque più attuale che mai?

In occasione dell'88esimo compleanno della regista e sceneggiatrice italiana (è nata il 14 agosto del 1928 a Roma) abbiamo stilato per voi una mini-guida di Ferragosto con le 5 scene cult del film anni 70 e 5 motivi per cui non ci stancheremo di (ri)vederlo...mai!

1. I carini, i socialisti, i comunisti, e i "trent'anni di DC"

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

2. "Ti devi innamorare. Ti deve prendere un amore nero che ti torce le budella, passione disperata peggio d'una malattia. Io t'ho a entrare dentro la testa, dentro lu core, dentro la pancia. Passione o nente. Passione o nente!".

3. Lezione numero uno...

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

4. "Dici che mi ami no? "

5. "Lo sapevo che non mi dovevo fidare di una ricca. Perché i ricchi ti fottono sempre! Bottana industriale che mi lasci solo!"

(Foto tratta dal film, courtesy Instagram)

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Cultura