Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Viaggio a Lisbona = il weekend di cui parlerete a vita

Lisbona profuma di crema caramellata e va allo stesso ritmo di una guitarra portuguesa.

Unsplash

Lettere da Lisbona. Lettere da un treno di notte per Lisbona. Lettere dalla meta che è sempre stata nella wishlist dei viaggi da fare assolutamente, ma che non avete mai fatto. Inchiostro nerissimo per marcare ricordi coloratissimi della città che profuma di crema caramellata e va allo stesso ritmo di una guitarra portuguesa. Lisbona viaggio della vita, Lisbona tre giorni da assaporare lentamente, da raccontare per sempre. Lisbona cosa vedere con poco tempo a disposizione nella capitale lusitana = posti belli da visitare, ore piccolissime da fare. QUESTO ↓↓↓ il nostro vademecum da insider lisboeti doc per turisti a Lisbona dop.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Foto di John Jason su Unsplash
Unsplash

Lisbona cosa vedere: giorno 1. Partendo da Praça de Figueira, una delle piazze più importanti e centrali di Lisbona puoi salire al Monastero di Carmo e scendere verso l'Elevador de Santa Justa, un luogo incredibile per vedere dall’alto TUTTA la città. Scendi adesso fino all'Arco da Rua Augusta, la porta di Praça do Comercio (qui c’era il Palazzo Reale prima del terremoto del 1755). Continua verso la cattedrale di Lisbona, conosciuta come il Sé di Lisbona. Costruita nel 1147, è la più antica chiesa della città e una delle attrazioni di Lisbona. Da Sé de Lisboa al Castello de San Jorge ci vogliono pochisssimi passi, gli stessi da percorrere per visitare il vicino Museo del Teatro Romano. Una volta visitato il Castello, goditi la vista di Alfama dal Miradouro de Santa Luzia, un posto spettacolare per vedere il fiume Tago e i tetti rossastri del quartiere Alfama. Arrivato ad Alfama troverai il Pantheon Nazionale (da vedere assolutamente la sua cupola spettacolare). QUESTO è il momento perfetto per intrufolarti tra le stradine e mangiare squisiti piatti tipici in ristoranti tradizionali.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Foto di Simon Couball su Unsplash
Unsplash

Lisbona luoghi di interesse: giorno 2. Belem è il quartiere più visitato di Lisbona e include forse la visita più importante di tutta la città, ovvero il monastero di Belem. Si resta a bocca apertissima davanti a questo enorme edificio eretto per celebrare il ritorno di Vasco de Gama delle sue conquiste in India. La parti più imponenti del Monastero di Belem sono il suo chiostro e il suo alto coro, da qui si ha una vista spettacolare sulla chiesa dove si trova la tomba dell'esploratore. Vicino al Monastero c’è anche il Museo Marittimo, dove immergersi nell'era dei corsari e dei conquistatori. Un'altra delle più importanti visite della città è la Torre di Belem, che proteggeva l'ingresso alla città dal fiume, costruita con piccole celle sotterranee e difesa da cannoni. Cosa fare assolutamente a Lisbona opsss a Belem = andare a mangiare i pastéis di Belem (tartellette alla crema e cannella) nella storica pasticceria del quartiere.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Foto di Martha Dominguez su Unsplash
Unsplash

Cosa fare a Lisbona: giorno 3. Dedicate l’ultimo giorno ai dintorni di Lisbona. A 30 minuti dalla città si trova uno dei luoghi più importanti fuori dalla capitale portoghese, Sintra e i suoi 5 palazzi totemici. Primo fra tutti il Palazzo Pena, costruito su un antico monastero distrutto da un grande terremoto nel 1755. Altra visita da non perdere, la stravagante Quinta de Regaleira. Un giardino abnorme che ospita il Palacio de Regaleira, acquistato da Carvalho Monteiro e oggi di proprietà del municipio di Sintra. Lisbona quando andare AKA qual è il momento migliore per andare a bere liquori all’amarena (ginja)? I mesi migliori per visitare Lisbona sono maggio, giugno e settembre, per via del clima mite e soleggiato. Da evitare magari l’estate torrida…

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Cosa fare a Lisbona: giorno 3 (seconda parte). Un pastéis de Belém da un lato, un bicchierino di ginjinha dall’altro, dirigetevi verso l’aeroporto e iniziate provare il sentimento più portoghese di tutti: la saudade.

Foto di David Marcu su Unsplash
Unsplash

In apertura foto di Samuel Zeller su Unsplash

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viaggi