Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Prepariamoci, anche questa estate Noto sarà la meta CULT (per due motivi molto diversi)

Amata dai vip, assediata dai turisti di tutto il mondo: la località barocca in provincia di Siracusa vive un momento di gloria. WHY?

Getty

Noto è nota. Noto è la meta dell'estate. Noto è notoriamente bella. Andiamo avanti? No, ci fermiamo perché i siciliani sono assediati da N estati. Da quando? Da quando Noto è diventata la città dell'estate di molti (non siciliani), da quando aprono ristoranti stellari dove a imbandire le tavolate sono designer (che poi quella Sicilia barocca la portano in passerella). Noto se la gioca con Cefalù per essere ad altissimo tasso Instagram e influencer: e su questo fronte si gioca, pesantissima, la carta dell'arte barocca, dell'assoluto non-tempo, delle scalinate bianche bruciate dal sole, del bouquet naturale che si disperde nell'aria, aria di una lunga estate che profuma di gelsomini e zagare. La storia, l’architettura con una patina di decadenza che la rende commovente: Noto, in provincia di Siracusa, con una magnifica Cattedrale del 1700 (ristrutturata dopo un doloroso crollo negli anni 90) è una classifica infinita di monumenti barocchi. Noto che non si fa bastare un patrimonio culturale del genere e si inventa uno di quegli eventi che mandano in estasi gli stranieri - quanto noi italiani: l’infiorata. Patrimonio di creatività in punta di petalo, l'infiorata di Noto è la più celebre e conosciuta infiorata in Sicilia ed è pura magia perché trasforma le vie cittadine in magnifici tappeti di fiori.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Getty

Infiorata di Noto: quando? Ogni anno, ovviamente, la terza domenica di maggio, uno dei periodi più belli della Sicilia, quando non fa ancora troppo caldo ma è praticamente già estate. Forse, il matrimonio di Chiara Ferragni e Fedez di terrà subito dopo, visto che si parla di estate. In quella domenica la città di Noto dà vita ad un'autentica esplosione di fiori, colori e profumi. Le strade diventano estemporanee tele su cui artisti assurdamente bravi realizzano le loro opere d'arte. In pratica, invece che colori e pennelli usano i petali di fiori. Quella di Noto è la festa dei fiori, che è l'atto culminante della Primavera Barocca, un fitto programma di appuntamenti e di eventi a Noto in programma tra aprile, maggio e giugno (uno dei molti della Sicilia). Anche il Corteo Barocco di Noto, che si tiene ogni anno a fine aprile, rientra nell'ambito del fitto calendario di questa interessante kermesse.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Getty

Come assistere all'infiorata di Noto, in Sicilia? Non c'è bisogno di biglietti e prenotazioni, la festa dell'infiorata è uno spettacolo che si può godere dal vivo semplicemente recandosi a Noto, provincia di Siracusa. Come arrivarci? Da tutta Italia, con un volo aereo per l’aeroporto più vicino che sarebbe Comiso, ma se volete vedere anche altro, va bene Catania, un po’ più lontana. Conviene affittare un’auto (o portarla con il traghetto, se vivete vicino Civitavecchia). In auto si attraversa l'autostrada A18 (E35), uscendo a Noto e proseguendo per il centro del paese. Noto è collegata al capoluogo anche attraverso la linea ferroviaria Rfi (distanza da Siracusa 30 minuti) o via autobus. Ma perché si tiene questo evento? Infiorata di Noto, storia. La storia dell'infiorata di Noto comincia nel 1980 quando alcuni artisti netini (questo è come si chiamano gli abitanti di Noto) decisero di importare in città la grande tradizione dell'infiorata di Genzano, a cui erano stati invitati. Da allora l'appuntamento è diventato sempre più atteso e seguito e coinvolge profondamente l'intera comunità. Sono sempre di più i turisti e i visitatori che assistono ogni anno all'infiorata a Noto, ma sono anche tantissimi i netini emigrati che tornano nella loro cittadina in occasione di questa bellissima festa. Ogni anno, inoltre, il tema della festa cambia. Quello dell'infiorata di Noto 2017 è stato il Principato di Monaco, mentre quello dell'infiorata di Noto 2018sarà la Cina. Notizie infiorata di Noto. La Repubblica Popolare Cinese, dunque, sarà il tema portante della 39ma edizione della festa, di scena nel terzo weekend di maggio, quello a cavallo di domenica 20. Delegati dell'ambasciata cinese hanno già effettuato visite e sopralluoghi in città ed è grande l'attesa per la manifestazione, che per la prima volta proietterà nelle strade netine motivi, echi e riverberi legati ad una cultura così affascinante e così lontana.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Cos'è l'infiorata di Noto. La festa dell'infiorata di Noto, che nel 2018 celebrerà la sua 39ma edizione, ha come scenario principale via Corrado Nicolaci, una strada lunga 122 metri e larga 7 dominata dalla Chiesa di Montevergini e sormontata dal palazzo del Principe Nicolaci, la cosiddetta Villadorata, celebre per i suoi bellissimi balconi (nessuno osa più parlar male della Sicilia come fece Roberto Vecchioni). È qui che viene steso il tappeto di fiori, composto da 16 bozzetti realizzati a mano e decorati con i petali di vari tipi di fioriture. L'area coperta dal tappeto si estende per circa 700 mq e coinvolge anche cortili, chiostri ed altre strade cittadine. Ogni opera floreale deve ispirarsi al tema scelto per l'edizione, ma all'artista è lasciata ampia libertà sul soggetto da rappresentare, sui colori dei fiori e le modalità espressive. Il tappeto di fiori di Noto viene steso nel corso di un'intera notte e resta intatto per tre giorni, lungo tutto l'arco delle celebrazioni per la festa, dal venerdì alla domenica, prima di essere smantellato, proprio come un mandala tibetano di sabbia, simbolo di impermanenza delle cose. Oltre allo spettacolo floreale, nei tre giorni della manifestazione tutta la città si veste a festa con spettacoli, mostre, sagre e degustazioni, con quel calore e quella allegria così coinvolgenti che sono tipici della Sicilia. E che a Noto portano una sfumatura di colore completamente inedita. State già prenotando?

photo GettyImages e courtesy Instagram.com

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viaggi