Se l'Isola di Caprera la chiamano "la Tahiti di Sardegna" ci sarà un buon motivo, anzi sei

Spiagge soffici, mare incantatore, pace assoluta: vietato salire sull'aereo per località esotiche e lontane senza aver prima visto questo gioiello ineguagliabile.

Europe. Italy. Sardinia. Caprera. Cala Coticcio
pietro cappaGetty Images

L'Isola di Caprera ha un bellissimo soprannome che molti ignorano ed è un peccato. Viene chiamata la Tahiti di Sardegna per la bellezza delle sue spiagge e per la natura incontaminata e lussureggiante dei suoi paesaggi, ed è veramente un peccato prendere voli aerei per località lontane e costose quando a poca distanza da casa abbiamo tanti luoghi che non hanno niente da invidiare a una località esotica che promette suggestioni non esclusive. Sono tante le cale e le calette dell'Isola di Caprera che meritano una visita approfondita, baie e scorci commoventi che fanno di questo meraviglioso lembo di terra a due passi da La Maddalena un vero e proprio paradiso della Sardegna. E non è un’esagerazione. Pronti a prenotare?

Visitare l'Isola di Caprera. Vediamo intanto come arrivarci. I traghetti per Caprera e per La Maddalena partono da Palau e sono piuttosto frequenti: ci vogliono appena 15 minuti per raggiungere l'isola. Dal 1891, tra l'altro, La Maddalena e Caprera sono unite da un ponte: il Passo della Moneta. Il Parco Nazionale dell'Isola di Caprera e de La Maddalena comprende il territorio di entrambe le isole dell'arcipelago. Gli abitanti di Caprera in tutto sono solo 150 e nel borgo di Stagnali sono concentrate le poche strutture ricettive dell'isola, in genere bed & breakfast o camere in affitto. Nella vicina La Maddalena, in compenso, c'è grande abbondanza di hotel e strutture.

Isola di Caprera, cosa vedere? C’è l’imbarazzo della scelta. Le vacanze all'Isola di Caprera offrono davvero l'opportunità di scoprire uno degli angoli più suggestivi del nostro paese (no, non ci stancheremo di ripeterlo). Un'isola bellissima e meravigliosa non soltanto per il mare. Ci sarà un motivo se sull'Isola di Caprera Garibaldi ha scelto di trascorrere in serenità gli ultimi anni della sua vita (e al tempo non era piena di comodità come ora) e proprio al centro dell'isola è visitabile la casa dell'Eroe dei Due Mondi, una villa di campagna dall'aspetto rustico dove sono esposte bandiere, armi, palle di canone e attrezzi agricoli di stampo ottocentesco. Il cimitero di famiglia, con la tomba del generale e un busto dello stesso Garibaldi, completa il quadro. Assai suggestivi sono poi i sentieri dell'Isola di Caprera, che consentono di addentrarsi sui tre rilievi più significativi dell'interno: Poggio Stefano, Poggio Zonza e il Monte Tejalone.

Tra le escursioni all'Isola di Caprera non può mancare una puntata al vecchio borgo militare di Stagnali, dal panorama mozzafiato, e una visita al museo mineralogico, dove sono conservati numerosi minerali, gemme e persino fossili. Insomma, l'Isola di Caprera in Sardegnaè davvero un concentrato di attrazioni. Ovviamente,Caprera, spiagge ne ha quante se ne desiderano. Ma quali sono le migliori cale e calette di Caprera? Ecco una selezione degli angoli più belli di questa magnifica isola.

Cala Coticcio, come arrivare. La più famosa tra le spiagge di Caprera è Cala Coticcio, un paradiso tropicale nelle acque di Sardegna. Acque limpide e cristalline e granelli di sabbia finissima e molto chiara accompagnano il tuffo in un mare da sogno, tra i più belli al mondo. Come si raggiunge questo incanto? Percorrendo un lungo sentiero a piedi che inizia poco dopo la deviazione per la casa di Garibaldi. L'alternativa è raggiungerla via mare, noleggiando una barca o un gommone.

Spiaggia del Relitto, Caprera. Un mare color smeraldo e una sabbia bianchissima fanno da contorno al relitto di una vecchia carboniera: non sarà famosa come l'omonima spiaggia di Zante, ma quella posta all'estremità sudorientale dell'isola sarda non ha nulla da invidiare alla sua omologa greca.

Cala Serena, Caprera. Indicata dai turisti americani come la spiaggia più romantica al mondo, Cala Serena si trova nella parte occidentale di Caprera e si raggiunge attraverso un sentiero da percorrere a piedi per 20 minuti, che parte poco dopo Cala Garibaldi. La spiaggia è un gioiellino di sabbia bianca, completamente raccolta in una baia circolare.

Cala Brigantina, Isola di Caprera. Raggiungibile via terra attraverso un sentiero che inizia da Poggio Rasu oppure via mare, la spiaggetta è costituita in realtà da due cale distinte ed è situata nel versante orientale dell'isola. La sabbia dorata fa da contorno a un mare limpido che assume varie gradazioni di blu, turchese e smeraldo.

Spiaggia dei Due Mari, Caprera. Chiamata anche Cala Portese, è una striscia di terra circondata dalle acque. Ovunque ti volti puoi assaporare i colori e i riflessi del mare, che avvolge la baia sabbiosa con le sue placide onde.

Cala Napoletana, Isola di Caprera. Situata nella parte settentrionale dell'isola, la spiaggia è una coltre di sabbia sofficissima, circondata da macchia mediterranea. Mai particolarmente affollata, è un paradiso di bellezza e di relax.

Spiaggia per cani, Isola di Caprera. Poco più a sud di Stagnali c’è invece Doggie Beach, una spiaggetta molto caratteristica interamente riservata ai bagnanti che non vogliono separarsi dagli amici a quattro zampe. Che qui possono bagnarsi e rinfrescarsi liberamente, a differenza di quanto avviene – purtroppo – in tutte le altre cale e calette dell'Isola di Caprera (ed è bene saperlo).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viaggi