Extravaganza: tutto tranne l'ordinario al Festival Images Vevey 2018

Il festival più stravagante, eccentrico, strano, assurdo, irragionevole, folle, fuori dal consueto e dall'ordinario è in mostra a cielo aperto con la Biennale di Arti Visive più famosa della Svizzera

Daido Moriyama, balena gonfiabile, skyline Parigi
Daido Moriyama, A tale of II Cities 4, Paris, 1989 © Daido Moriyama Courtesy of Akio Nagasawa Gallery

Quando lo sguardo randagio di un fotografo come Daido Moriyama si avventura in città (anche nel quartiere latino di Parigi) può succedere di tutto, ovviamente, ma che hanno in comune i suoi canti di balena con la giungla di Cristina de Middel & Kalev Erickson. E Claudia Shiffer con i serpenti, le gemelline di Fumiko Imano, chimere e meraviglie, il grande Lebowski di Jeff Bridges e insetti voraci? In una parola: Extravaganza. Out of the Ordinary. Tutto quello che è pronto a spingersi oltre l'ordinario con i protagonisti della nuova edizione del Festival Images Vevey 2018 (8-30 settembre 2018).

Jeff Bridges, Jeff Bridges: Lebowski and other Big Shots – Lebowski, The Stranger and The Dude
© 1998 Jeff Bridges, Courtesy Jeff Bridges Photography Archive

Fumiko Imano, We Oui
© Fumiko Imano Courtesy Little Big Man Gallery​

L'edizione fuori misura e consuetudini, delle installazioni e scenografie della Biennale di Arti Visive di Vevey, pronta a trasformare in museo a cielo aperto, strade, parchi e luoghi insoliti di una della perle della riviera svizzera. Bar, musei, librerie, ma anche l'ex prigione, una cabina telefonica abbandonata, il suo lago. Ognuno di questi luoghi si presta ad accogliere e trasfigurare progetti di grandi fotografi e giovani promesse, dai piccoli formati alle dimensioni monumentali.

La selezione è insolita e fuori dall'ordinario, come lo scatto in di 220 m2 posto sulla facciata di uno dei suoi imponenti edifici per accogliere i visitatori del Festival, insieme al gigante marino fotografato nello skyline parigino dal celebre fotografo giapponese. L'enorme balena gonfiabile sospesa in aria da due gru, continuerà a volare nella fantasia di ogni spettatore, come ha fatto nella Parigi esplorata da Daido Moriyama negli anni ottanta, lasciandosi ispirare da quella inquadrata da Eugène Atget molti anni prima.

Arnold Odermatt, Stans, 1973


Il tempo del resto è un compromesso che interessa poco a questa edizione votata all'essenza stessa dello stravagante, eccentrico, strano, assurdo, irragionevole, folle. La visione che guarda il mondo a testa in giù, anche con il fotografo della polizia svizzera Arnold Odermatt. Un concetto che spinge tutto fuori dal consueto, dando fuoco anche al suo lago con il fascino ancestrale (instabile, e fugace) della bruciante installazione di Philippe Durand, dove l'immagine fiammeggiante si anima con il movimento dello spettatore.

Cristina de Middel & Kalev Erickson, Jungle Check 5B
© de Middel & Erickson Courtesy FOAM Fotografiemuseum Amsterdam ​​

La selezione di oltre sessanta progetti punta a spingere la visione oltre i suoi stessi limiti, per scrutare anche lo straordinario invisibile a occhio nudo. Ricorrendo a vecchie Polaroid per raccontare nuove storie (da qualche parte tra realtà e finzione) con de Middel e Erickson. Usando uno strumento scientifico per scopi artistici, come Elisa Ribeiro, ancora studentessa all'ECAL / Ecole Canton d'Art di Losanna. I suoi affascinanti ritratti d'insetti voraci dei vigneti, sono realizzati con un microscopio elettronico a scansione, ma l'intera serie Nuisibles non si limita a mostrare un aspetto inaspettato della viticoltura. Si avventura in quello straordinario della nostra visione.

Elisa Ribeiro, Nuisibles, Drosophila Suzukii 500μm
© ECAL/Elisa Ribeiro​​


Clare Strand, Snake, Snake # 2
© Clare Strand, Courtesy Clare Strand and Parrotta Contemporary, Stuttgart ​​


Olivier Blanckart gioca con le icone della cultura pop (da Angela Merkel a Chuck Norris), distorcendo ben più del loro aspetto e della nostra percezione, insieme alla relazione tra identità privata e immagine pubblica. Jenny Rova si concentra sull'ordinario che diventa straordinario sui social network (e il suo processo inverso), sostituendo la sua immagine a quella della nuova fidanzata del suo ex nelle immagini postate da questi su facebook.

I confini di genere e idolatria sono delineati dall'obiettivo e le performance di Pachi Santiago, protagonista maschile delle riproduzioni fotografiche più iconiche di Claudia Schiffer. Ogni dittico del progetto, presentato per la prima volta in Svizzera in occasione del trentesimo anniversario della carriera della celebre modella tedesca, riflette sulla creazione dell'immagine di sé attraverso gli idoli prodotti dai media.

Pachi Santiago, Copying Claudia
© Pachi Santiago, d’après une photographie de Karl Lagerfeld Courtesy de l’artiste​


Philippe Ramette, Promenade irrationnelle, 2003 Photographie couleur, 150 x 120 cm Photographe Marc Domage
© Philippe Ramette, ADAGP, 2018 Courtesy Galerie Xippas​​


Le passeggiate irrazionali ma molto esotiche di Philippe Ramette, possono sembrare distanti anni luce dai messaggi sulle T-shirt (simbolo della cultura pop globalizzata) di persone anonime fotografate di spalle da Susan Barnett, i ballerini di Frédéric Nauczyciel o il tono di rosa fotografato da Angélique Stehli nei penitenziari svizzeri, dove è usato per ridurre l'ostilità dei detenuti. Distanze apparentemente abissali percorse anche dai mezzi di trasporto usati per andare a scuola a Nuova Delhi di Charles Fréger.

Frédéric Nauczyciel, Fireflies, Firefly # Justin Winston (Angels in America, With Father)
© Frédéric Nauczyciel​
Charles Fréger, School Chalo, 2016
© Charles Fréger​​

Distanze decisamente ridotte da un comune approccio stravagante alla sottile follia che ci tiene ancorati alle immagini e i meccanismi perversi del contemporaneo. Un viaggio imprevedibile che offre gli strumenti per arrivare ovunque. Anche la macchina del tempo di un inventore dei primi anni del 1900, con l'installazione del progetto di Antony Cairns, insignito del Grand Prix Images Vevey 2017/2018 ed esposto nel seminterrato del Théâtre de Verdure.

Impossibile prendere una scorciatoia tra le fotografie in studio di Antonian Gugala e quelle recuperate da Erik Kessel, l'iconografia popolare reinterpreta per quasi trenta anni da Olivier Blanckart e i personaggi straordinari che per decenni Coco Fronsac ha fatto nascere da foto trovate nei mercatini delle pulci. Senza contare che questo è solo un preludio stuzzicante all'incontro stravagante con immagini che nascono per farci riflettere e sognare, sorridere, infastidire, magari anche cambiare qualche prospettiva.

Coco Fronsac, Chimères et Merveilles, St Onuphrius
© Coco Fronsac​​
Olivier Blanckart, XXth Century Lonely Art Camp - in extremis
© Olivier Blanckart, Courtesy Collection FRAC Poitou-Charentes​
This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Magazine