A Perugia c'è una mostra tutta dedicata alle mille bolle blu

La Galleria Nazionale dell'Umbria ospita un'esposizione dove artisti, scienziati e architetti rendono omaggio alle "bulles de savon": in tutto una sessantina di lavori da Bruegel Il Giovane a Man Ray.

Karel-Dujardin-Allegoria-vanità-umana
Karel Dujardin

Per raccontare ai suoi seguaci il ruolo dell’uomo sulla Terra, Gandhi definiva la vita come «una bolla di sapone». La Galleria Nazionale dell’Umbria a Perugia ha fatto suo l’assunto del Mahatma dedicando alle bulles de savon una mostra, scandita dai lavori di grandi artisti.

Selfportrait with Bubbles, Max Beckmann
Max Beckmann

Come Man Ray che immortalò Lee Miller che soffiava bolle a letto (sopra) o Max Beckmann che si fece un autoritratto tra sfere iridescenti ed effimere. Fino ad arrivare all'architettura contemporanea, con la maquette del Water Cube, la piscina olimpionica di Pechino progettata dallo studio australiano PTW Architects, con il quale hanno collaborato China State Construction Engineering Corp e Arup Ltd. In tutto, 60 opere realizzate dal 500 ai giorni nostri da ammirare fino al 9 giugno.

Lee Miller with a bubble pipe, Paris, Man Ray, c1930
Man Ray

Attenzione: parallelamente all’arte, la mostra svela anche il ruolo scientifico giocato dalle bolle di sapone sullo studio di luce, colori e strutture naturali. In questa ottica è prevista una serie di eventi collaterali, come spettacoli e performance dal vivo di vario genere sul tema delle bolle; talk, visite guidate, proiezioni, laboratori didattici per adulti e bambini e conferenze scandiranno tutto il periodo dell'esibizione. Insomma, non sarà solo un gioco da ragazzi.

Giulio Paolini
Luca Vianello 10/06/1990
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Magazine